Omicidio suicidio di Firenze, gli sms del killer all’amico: «Mi ha lasciato, vado a ucciderla»

imageUccisa a coltellate dall’ex marito, incapace di accettare la fine della loro storia e accecato dalla gelosia. Michela Noli, 31 anni,è stata trovata senza vita l’altra sera dentro un’auto in una zona isolata lungo l’Arno, alla periferia di Firenze. Accanto al suo, il corpo senzavita dell’uomo. Mattia Di Teodoro, 33 anni, dopo averle tolto la vita con oltre 20 fendenti ha rivolto verso di sè il coltello e si è suicidato.A casa ha
lasciato un bigliettoin cui spiega le motivazioni del gesto e di come aveva intenzione di ucciderla. Nel corso della giornata aveva mandato messaggi aun amico, in cui diceva di voler uccidere la donna. Un allarme che l’amico non ha preso sul serio, pensando a cose dette per sfogarsi. Poi, poco prima di aggredirla, l’ultimo sms: «L’ho uccisa» gli avrebbe scritto, anticipando la tragedia. (Sopra, una foto della coppia).

«L’ho uccisa». L’ultimo messaggio dell’amico appare sullo smartphone tre minuti prima delle 22. Solo adesso capisce che non è la solita ossessione macabra di Matteo che l’ha tempestato di sms tutto il giorno e chiama il 113. Ma non c’è più tempo. Matteo Di Teodoro, un ragazzone di 33 anni dallo sguardo mite, ha già massacrato l’ex moglie Michela Noli, 31 anni, hostess di terra all’aeroporto di Firenze. L’ha colpita 22 volte al ventre, al torace e al collo nella sua auto con un coltellaccio che si è portato dietro. E poi, con la stessa lama, si è sgozzato.

Gli agenti della Mobile li hanno trovati chiusi in una Citroen Bianca davanti all’Arno, nel quartiere popolare dell’Isolotto. Lei aveva ancora la cintura di sicurezza, le mani protese verso lo sportello.
Quella di Matteo e Michela, sposi da due anni, separati da un mese, è l’ennesima cronaca annunciata di un femminicidio che forse si poteva fermare. «La voglio uccidere perché ha un altro», aveva scritto all’amico. E poi: «Dopo mi ammazzo, so dove colpirmi per morire subito». Matteo non aveva mai smesso di chiedere all’ex moglie di tornare con lui. «Lei era ossessionata, perché lui la seguiva», racconta in lacrime un’amica, l’ultima, forse, a parlare con Michela. Matteo, impiegato nella legatoria dei genitori, ripeteva: «Senza di lei sono morto». Il crollo psichico quando aveva saputo che Michela aveva trovato un altro compagno. Aveva anche deciso di usare un gps per seguirla e sorprenderla.

«Lei le aveva raccontato la verità — ricorda una vicina di casa —, ma forse per farlo stare tranquillo gli aveva detto che quella storia era finita e che adesso non aveva più nessuno». Lui sembrava sollevato. Poi l’ultima crisi quando, dopo l’ennesimo pedinamento, aveva scoperto che la relazione dell’ex moglie non si era interrotta. E da «ragazzone buono e mite» si era trasformato in killer. Aveva organizzato tutto, anche la trappola finale. «Ti devo restituire alcuni vestiti e un paio di valige», aveva detto a Michela. Non era vero. In auto aveva nascosto due coltelli. Prima di uscire l’ultimo messaggio, appeso alla porta. «Spero di riuscire a morire dopo quello che farò. Scusate tutti per il dolore che vi sto causando non sono malato sono stato solo ferito a morte e lasciato in un angolo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.