Ovetto Kinder, al posto della sorpresa trovata una pillola per l’ipertensione: si parla di sabotaggio

Davvero una sorpresa inaspettata, quella ritrovata all’interno di un Ovetto Kinder, il cioccolato più desiderato dai più piccoli. Vi starete chiedendo, cosa mai sarà stati ritrovato all’interno del cioccolato Kinder. Ebbene, amara sorpresa per un bambino il quale ha ricevuto un ovetto kinder acquistato in un bar nei pressi di Frosinone, ma proprio nel momento della sorpresa, il piccolo non ha trovato alcun regalino ma una strana pillola. La pastiglia del farmaco, commercializzato solo in Italia, era inserita nel blister, all’interno dell’ovetto di plastica della sorpresa. Fortunatamente, i genitori del bambino che si trovavano con lui si sono accorti in tempo che qualcosa non andava, e per questo motivo hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine e nello specifico i carabinieri.

Una volta avvisate le forze dell’ordine sono scattate le indagini dei carabinieri del Nas, coordinati dalla Procura della Repubblica che hanno portato alla luce una verità sconcertante. Ebbene si, la pillola ritrovata all’interno dell’ovetto Kinder altro non era che una pillola di Zofenopril, ovvero un farmaco utilizzato per curare l’ipertensione e considerato molto pericoloso se ingerito anche solo per errore. Fortunatamente i genitori erano presenti e non hanno permesso al bambino di poter ingerire la pillola, altrimenti l’epilogo sarebbe stato diverso e soprattutto tragico.

L’episodio in realtà è avvenuto lo scorso mese di dicembre, come già anticipato in provincia di Frosinone, e le indagini durate circa n mese hanno portato a pensare che si sia trattato di un vero e proprio sabotaggio. “Con il passare dei giorni – si legge sul quotidiano – le indagini stanno prendendo una direzione più precisa: la pista che sembra maggiormente plausibile sarebbe quella del sabotaggio. Lo Zofenopril cioè non sarebbe finito per errore nell’ovetto Kinder, ma qualcuno, forse, l’ha volontariamente inserito al posto del giochino in regalo ai bambini”. “Al momento non si escludono ancora altre ipotesi, ci sono però elementi che portano a pensare al sabotaggio”, hanno spiegato gli inquirenti.

La Ferrero intanto, fa sapere di ritenersi parte lesa nel procedimento in corso dalla Procura della Repubblica senza però rilasciare ulteriori dichiarazioni in merito. Rimane da capire chi abbia potuto fare una cosa del genere, ovvero inserire un farmaco dagli effetti molto pericolo, all’interno della scatolina gialla, indirizzata ad un bambino, visto che l’ovetto kinder è considerato per lo più un cioccolato per piccini. Dunque al momento è impossibile capire chi possa aver fatto questo terribile gesto, ciò che è certo è che l’ovetto Kinder di recente è stato più volte bandito dai supermercati americani per via di alcune sorprese ritrovate al suo interno. Anche in Italia negli anni passati, l’ovetto kinder era stato utilizzato dal misterioro bombarolo, il quale all’interno dell’involucro giallo aveva inserito un ordigno, seminando il panico nell’Italia Nordorientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.