Palermo, 18enne marocchino si tuffa in mare e viene inghiottito dalle onde: ricerche in corso all’Addaura

Palermo, 18enne marocchino si tuffa in mare e viene inghiottito dalle onde ricerche in corso all'Addaura

E’ mistero a Palermo dopo che nella giornata di ieri un giovanissimo ragazzo marocchino di appena 18 anni si è buttato in mare per fare il primo bagno della stagione, ma purtroppo non è più risalito a galla ed il corpo ad oggi risulta disperso. Un gruppo di giovani, tra cui appunto il giovane marocchino nella giornata di ieri si erano dati appuntamento all’Addaura, vicino Punta Priolo, una nota località turistica del capoluogo siciliano,ovvero Palermo per fare il primo bagno della stagione, ma purtroppo una gita fuori porta ed una giornata di relax e divertimento si è trasformato in tragedia.

I giovani si sarebbero lanciati in acqua ma uno di loro, e nello specifico il giovane marocchino non è più risalito a galla. Stando a a quanto riferito dagli amici del 18enne, l’amico si era tuffato da una scogliere, intorno alle ore 15 sfidando tra l’altro il mare e le onde piuttosto alte; il giovane si sarebbe tuffato di schiena, ed una volta in mare gli amici sostengono di avergli lanciato un salvagente per aiutarlo a tornare a riva, ma ecco che proprio in quel momento sarebbe arrivata un’onda che lo ha completamente risucchiato e dalla quale il giovane non è più tornato a galla.

Gli amici hanno subito chiamato i soccorsi e la polizia che è giunta nel giro di pochissimi minuti sul oposto per effettuare le ricerche; nel giro di pochi minuti sul posto sono anche arrivati gli agenti della Guardia Costiera, i sommozzatori ed anche un elicottero per cercare il giovane marocchino. A complicare la situazione è stato il maltempo e di conseguenza il mare in pessime condizioni, molto agitato e con onde molto alte. Un amico non vedendolo più riemergere racconta di essersi gettato in mare per cercarlo ed aiutarlo a tornare a galla, ma purtroppo le onde lo hanno subito portato lontano dalla riva e trascinato dalla corrente, per fortuna i soccorsi sono riusciti a portarlo in salvo.

I sommozzatori riferiscono di aver ritrovato delle tracce di sangue sugli scogli, e questo fa presupporre che il giovane dopo il tuffo abbia battuto la schiena. Sul posto dell’incidente, oltre ai soccorsi sono anche arrivati i genitori del 18enne sotto shock per quanto accaduto, tanto che la mamma dopo un mancamento è stata accompagnata in ospedale.Gli agenti di polizia e della Guardia Costiera hanno ritenuto opportuno impiegare anche un secondo elicottero munito di telecamera di rilevamento che purtroppo però non ha portato alcun risultato. A distanza di ore, infatti, non vi sono ancora notizie del giovane marocchino e la guardia costiera ha fatto sapere che le ricerche sono state estese fino ad un miglio dalla costa, fino a Mondello. Le forze dell’ordine fanno sapere che le ricerche continueranno anche nella giornata di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.