Palermo, duplice omicidio due uomini freddati: potrebbe esserci l’ombra dei clan

0

Ancora un omicidio a Palermo, anzi un duplice omicidio avvenuto in un quartiere periferico. Sarebbero stati uccisi due uomini a colpi di pistola in Via Falsomiele all’altezza proprio del civico 117 tra la via Aloi e Via Valenza. Dietro l’uccisione dei due uomini sembrerebbe esserci l’ombra dei clan. Le vittime si chiamavano Vincenzo Bontà, 45anni e genero del boss Giovanni Bontate il quale è stato ucciso anche lui in un agguato lo scorso 28 settembre 1988 insieme alla moglie Francesca Citarda.

Stando a quanto emerso dalle indagini sembra che i due uomini rimasti uccisi si trovavano all’interno di un’ auto, una Fiat 500L di colore bianco che è risultato essere intestata alla moglie di Bontà; i due sarebbero stati avvicinati dai killer i quali viaggiavano in sella al motorino. Le vittime hanno avvertito il pericolo e sono scesi dall’auto cercando di fuggire, purtroppo non hanno fatto in tempo a mettersi in salvo, perchè i killer li hanno freddati. Uno è stato colpito con un colpo di pistola alla nuca, mentre l’altro è stato colpito al torace ed al volto.

Da quanto emerso,sembra che dietro l’omicidio vi sia l’ombra dei clan; il tutto lascia presupporre che si sia trattata di un’esecuzione di stampo mafioso. Purtroppo non si tratta del primo episodio perchè lo scorso 3 ottobre in via della Conciliazione era stato ucciso un altro uomo che gravitava nel mondo della droga.

Rispondi o Commenta