Pannella, in migliaia alla camera ardente: pubblica la lettera scritta a Papa Francesco ‘Ti voglio bene davvero, tuo Marco’

Pannella, in migliaia alla camera ardente pubblica la lettera scritta a Papa Francesco 'Ti voglio bene davvero, tuo Marco'Sono già trascorsi due giorni dalla morte del celebre politico italiano Marco Pannella, scomparso alla veneranda età di 86 anni alle ore 14,00 dello scorso 19 maggio 2016 presso la clinica Nostra Signora della Mercede a Roma dove, in seguito al peggioramento delle sue condizioni di salute, era stato ricoverato proprio il giorno precedente.

Nella giornata di ieri, 20 maggio 2016, è stata allestita la camera ardente proprio a Montecitorio, dove Pannella è stato deputato per molti anni e dove ieri sono stati davvero in moltissimi i politici che si sono riuniti per salutare il leader Radicale che andandosene ha lasciato un profondo vuoto nel cuore di moltissime persone. Pannella indossa una sciarpa bianca e cravatta rossa su un vestito scuro, attorno alla sua bara vi sono numerose rose rosse oltre a corone di fiori. L’aula Aldo Moro di Montecitorio ha visto nella giornata di ieri, arrivare davvero moltissime persone, migliaia, che in lacrime hanno voluto rivolgere il loro ultimo saluto a Pannella. Il presidente del Senato Pietro Grasso e la presidente della Camera Laura Boldrini e poi ancora il premier Matteo Renzi, il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano e l’attuale presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Emma Bonino, Laura Boldrini e tanti alteri ancora.

E proprio in queste ore è stata diffusa, da Famiglia Cristiana, la lettera che proprio Marco Pannella aveva scritto a Papa Francesco poche settimane fa, una lettera scritta dopo il viaggio a Lesbo e nella quale, il leader dei Radicali ha nello specifico affermato “Caro Papa Francesco, ti scrivo dalla mia stanza all’ultimo piano, vicino al cielo, per dirti che in realtà ti stavo vicino a Lesbo quando abbracciavi la carne martoriata di quelle donne, di quei bambini, e di quegli uomini che nessuno vuole accogliere in Europa. Questo è il Vangelo che io amo e che voglio continuare a vivere accanto agli ultimi, quelli che tutti scartano“.

Una lettera che ha commosso e continua a commuovere e che si conclude con delle dolci parole che Pannella ha voluto rivolgere al Pontefice per dichiarargli tutto il suo affetto. Nello specifico Pannella ha concluso la lettera scrivendo “In questo tempo non posso più uscire, ma ti sto accanto in tutte le uscite che fai tu. Un pensiero fisso mi accompagna ancora oggi: ‘Spes contra spem’. Caro Papa Francesco, sono più avanti di te negli anni, ma credo che anche tu ti trovi a dover vivere ‘spes contra spem’. TI VOGLIO BENE DAVVERO, TUO MARCO”. Pannella rivolgendosi al Pontefice lo ha anche informato di aver preso in mano la croce che portava Mons. Romero, assassinato nel lontano mese di marzo del 1980 a El Salvador dagli squadroni della morte proprio mentre celebrava la messa,  sottolineando che proprio dal momento in cui l’ha presa tra le mani non riesce più a staccarsene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.