Papà uccide la sua bambina di sei anni fracassandole la testa: la moglie lo aiuta a camuffare l’omicidio

Papà uccide la sua bambina di sei anni fracassandole la testa la moglie lo aiuta a camuffare l'omicidioOgni giorno sempre più è possibile leggere sul web e ascoltare al telegiornale tristi storie di donne o minori vittime di violenza, sia essa di natura fisica che di natura psicologica. L’ultima terribile e sconvolgente storia vede come protagonista un uomo inglese di 36 anni di nome Ben Butler il quale, in un momento di follia nell’ottobre del 2013 ha commesso uno dei crimini più orrendi che possano esistere ovvero uccidere la propria bambina di soli sei anni.

L’uomo era disoccupato e quindi, mentre la moglie si trovava a lavoro lui rimaneva a casa a badare alla piccola che però mai si sarebbe aspettata di doversi proteggere proprio dal suo papà. In un momento di follia ecco che l’uomo ha ucciso la sua bambina fracassandole il cranio e quindi procurandole delle ferite letali dalle quali la piccola non si è salvata.

Dopo avere ucciso la sua bambina di nome Ellie, l’uomo ha chiamato la moglie che si trovava a lavoro e che si è precipitata immediatamente a casa ma quest’ultima, invece di chiamare i soccorsi o denunciare il marito è diventata complice di quest’ultimo cercando di far intendere agli inquirenti che la piccola era morta a causa di un terribile incidente.

E’ stato grazie alle indagini svolte dalla polizia che è stata scoperta la verità. Il Daily Mail, che ha raccontato la tragedia, ha infatti rivelato che gli agenti di polizia sono riusciti a scoprire che l’uomo, nel rapporto con la moglie, svolgeva il ruolo di dominatore tanto da convincerla a camuffare i reali motivi della morte della piccola Ellie ed inoltre, telefonate e messaggi evidenziano l’odio che il padre provava per la sua bambina al punto tale da averla picchiata in altre occasioni, prima di arrivare al giorno in cui l’ha uccisa. Il trentaseienne subirà adesso un processo per aver ucciso la sua bambina mentre la moglie è accusata di complicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.