Pisa choc, maestra d’asilo arrestata per maltrattamenti aggravati e insulti su bambini di età compresa fra 1 e 3 anni

Ancora un caso di maltrattamenti nei confronti di bambini anche molto piccoli nelle scuole d’Italia. Questa volta è finita nei guai un’educatrice di un asilo nido la quale è stata arrestata nella giornata di ieri perchè responsabile di violenze ai danni di nove bambini. I maltrattamenti sarebbero avvenuti all’interno di un asilo nido del Pisano; la donna, un’educatrice scolastica di 58 anni è stata accusata di maltrattare i bambini di un asilo nido appunto e nei suoi confronti è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare. La donna adesso si trova agli arresti domiciliari perchè accusata di maltrattamenti ai danni di nove bambini di età compresa tra uno e tre anni.

Le indagini sarebbero state avviate lo scorso mese di novembre, dirette dal Procuratore Alessandro Crini e dal sostituto Aldo Mantovani; tali indagini sarebbero partite dopo alcune segnalazioni arrivate da alcuni genitori. Le forze dell’ordine sulla base di queste segnalazioni hanno installato delle telecamere all’interno delle aule che hanno confermato purtroppo le drammatiche sequenze delle vessazioni fisiche e morali nei confronti dei bambini.

Rincoglionito, oggi ti faccio del male, sciocco stai zitto, ti metto fuori al freddo, sei duro come il muro, a te oggi niente frutto, levati di torno te…boia!, vai a piangere in bagno con te non ci parlo”, queste alcune delle frasi ingiuriose pronunciate dalla maestra nei confronti dei piccoli. Le immagini non hanno lasciato alcun dubbio, la maestra era solita maltrattare i bambini con schiaffi in faccia ed alla testa, e addirittura ad un bambino sarebbe stato rotto un piatto in testa, ed ancora sculacciate, ed insulti di ogni tipo e genere. I bambini venivano tanto maltrattati fino a farli stare per diverse ore a piangere, senza mangiare o talvolta costretti a mangiare quando non lo volevano. Rabbia e sgomento sia tra i genitori che tra i concittadini.

 Intervenuto sulla vicenda il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, il quale ha dichiarato: “Tutta la città si sente offesa. Non è stata danneggiata soltanto l’immagine di una scuola. Per questa comunità, gli asili sono stati sempre una priorità ed un motivo di vanto. Non abbiamo mai avuto liste di attesa e ci siamo sempre contraddistinti per un servizio di qualità. Sia quelli gestiti dal Comune, che quelli coordinati dalle cooperative, sono sempre riusciti a farsi apprezzare per qualità e competenze delle educatrici. La struttura, coinvolta nelle triste vicenda, fino a questo momento, a giudizio delle famiglie, era la migliore in città. Per tale ragione, cercheremo di metterci dalla parte di chi deve essere risarcito. La pericolosità dell’indagata è resa evidente, in particolare, dalla pervicacia con cui infierisce nei confronti delle persone offese mediante le suindicate condotte vessatorie, le quali sono chiaro indice di una personalità sprezzante delle più elementari regole di comportamento”, ha dichiarato il Gip.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.