Infarto shock: rischio triplo per chi si allena arrabbiato o nervoso

praticare-sport-per-scaricare-lo-stress-o-sfogare-unarrabbiatura-non-fa-bene-studio-rivela-puo-triplicare-il-rischio-di-infartoA chi non è capitato, nel corso della propria vita, di avere avuto una giornata particolarmente stressante o di aver litigato con qualcuno e decidere dunque, alla fine della giornata stessa, di voler scaricare la tensione accumulata con una bella corsetta oppure ancora praticando, in generale, dell’attività fisica. Questo sembra essere il miglior modo per alleviare i nervi quando sono particolarmente tesi, o almeno questo è quello che da sempre pensano moltissime persone, ma ecco che in realtà non esiste convinzione più sbagliata di questa ma soprattutto l’idea di praticare sport per scaricare la tensione rappresenta un vero e proprio pericolo e a rivelarlo è stato proprio un recente studio condotto nello specifico dagli scienziati dell’Health Research Institute della McMaster University e precisamente da Andew Smyth. Si tratta nello specifico di uno studio che svela come in realtà effettuare attività fisica in momenti di particolare stress, di arrabbiatura o di sconvolgimento emotivo in generale può risultare parecchio pericoloso in quanto, addirittura potrebbe anche raddoppiare il rischio di un attacco cardiaco nel giro di un’ora.

Sulla delicata vicenda si è espresso proprio Andrew Smyth ovvero come precedentemente anticipato colui che può essere considerato l’autore principale dello studio e lo ha fatto dichiarando nello specifico nel corso di una recente intervista “gli stimoli estremi, sia emotivi che fisici, hanno effetti simili sul corpo. Entrambi possono aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, modificare il flusso di sangue attraverso i vasi e ridurne l’apporto al cuore. L’attività fisica regolare ha molti benefici per la salute, compresa la prevenzione di malattie cardiache, quindi vogliamo che le persone continuino a eseguirla. Tuttavia, si consiglia di astenersi quando si è arrabbiati o emotivamente turbati”. La ricerca in questione è stata nello specifico pubblicata sulla rivista ‘Circulation’ dell’American Heart Association, ed è stata effettuata dai ricercatori sopra citati analizzando le informazioni relative a 12.461 pazienti provenienti da diversi Paesi con un’età media di 58 anni e soprattutto precedentemente colpiti da infarto.

Tutte queste persone hanno compilato un questionario nel quale hanno espresso quelle che sono state le sensazioni provate circa un’ora prima di venire colpiti dall’infarto ed ecco che l’analisi di tali test ha permesso di scoprire che il 14% di queste persone, ovvero circa 1,650, un ora prima di essere colpite da infarto erano impegnate in attività fisica mentre invece circa 1,752 persone ovvero circa il 14% in tali test hanno affermato di essere stati mentalmente sconvolti nell’ora precedente a quando purtroppo sono stati colpiti dal malore. Tale studio ha permesso di scoprire non solo che vi è il rischio di venire colpiti da malore quando si pratica attività fisica in un momento di particolare turbamento ma anche che, tale pericolo di venire colpiti da malore aumenta in casi in cui l‘attività svolta è piuttosto pesante ma anche l’emozione vissuta in quei momenti.L’alimentazione riveste un ruolo fondamentale per chiunque ma soprattutto per coloro che mirano con interesse alla salute del cuore. Ci sono alcune cibi cosiddetti anti infarto che sono importantissimi perché scongiurano l’arrivo di pericolosi attacchi cardiaci. Certo, non basta solo una alimentazione corretta per riuscire nell’intento, ma sicuramente mangiare alcuni alimenti più di altri è una buona abitudine per salvaguardare la salute del cuore. Quali sono i 10 cibi anti infarto più efficaci?

CIBI SALUTARRI ANTI-INFARTO

1. Aglio

Tra i 10 cibi anti infarto segnaliamo l’aglio, perfetto perché ricco di allicina che ha la capacità di rendere più fluido il sangue evitando che si formino pericolosi coaguli che sono tra le cause scatenanti di infarti e ictus. Per cui l’aglio è assolutamente da tenere in considerazione per mantenere il cuore in salute.

2. Lupini

Strano ma vero, anche i lupini sono tra i cibi anti infarto più efficaci. Abbassano infatti i livelli di colesterolo nel sangue, prevengono l’ipertensione e anche il diabete. Un alimento assolutamente da tenere in considerazione insomma.

3. Carote

Generalmente siamo abituati a sentire parlare di carote e delle loro proprietà benefiche solo in estate perché riconosciute sono la loro capacità di proteggere la pelle preparandola all’abbronzatura. Ma essendo ricche di beta-carotene, che combatte iradicali liberi, le carote sono perfette anche come arma per la prevenzione dell’attacco cardiaco: i radicali liberi causano danni alle arterie rendendo così i soggetti a rischio infarto.

4. Arance

La Vitamina C contenuta in questi frutti è fondamentale per la lotta all’infarto. Anche la Vitamina C, così come il beta-carotene nelle carote, combatte l’insorgere dei radicali liberi e salvaguarda la salute delle arterie.

5. Broccoli

In quanto particolarmente ricchi di acido folico, i broccoli sono da considerare un valido alleato per tenere a distanza problemi legati al cuore. L’acido folico è infatti una vitamina del gruppo B che abbassa i livelli di omocisteina nell’organismo, responsabile dell’intasamento della arterie. Più i valori dell’omocisteina sono bassi e minore è il rischio di infarto.

6. Pere

Tra gli alimenti da consumare in una perfetta dieta mirata a tenere alla larga l’attacco di cuore ci sono anche le pere. Le pere sono una fonte di fibre solubili importanti perché riescono a assorbire il colesterolo e portarlo via dal sangue. Sappiamo infatti che ilcolesterolo alto è pericoloso perché aumenta i rischi legati all’infarto: per cui pere a volontà!

7. Carne bianca

La carne bianca è assolutamente da preferire a quella rossa: è una fonte di proteine magre che rinforza i muscoli ma allo stesso tempo contiene pochissimi grassi e dunque non rappresenta un pericolo per la salute delle arterie.

8. Pesce

Il pesce è un altro dei cibi anti infarto più efficaci. E’ infatti ricco di Omega 3 che riducono il colesterolo e il rischio di intasamento delle arterie. Sgombro, salmone e aringa sono tra le tipologie di pesce da consumare con più frequenza.

9. Ciliegie

Questi gustosi frutti rossi sono particolarmente ricchi di antocianine che hanno la capacità di proteggere i tessuti dai danni indotti dai radicali liberi. insomma le ciliegie proteggono con efficacia i tessuti delle arterie e per questo motivo vanno inserite in una dieta mirata a proteggere il cuore.

10. Olio di oliva

Anche l’olio extravergine di oliva è tra gli alimenti cardine in una dieta mirata a contrastare l’infarto. Gli oli monoinsaturi riducono infatti i livelli di colesterolo cattivo.

COSA FARE E NON IN CASO DI SOSPETTO INFARTO

Insomma consumando questi alimenti con frequenza regolare, il rischio di contrarreictus e infarto diminuisce. Anche se va sempre precisato che le cause dell’infarto sono molte e non sempre purtroppo basta una alimentazione sana e bilanciata per mettersi al riparo. Ma mangiare bene è comunque un buon punto di partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.