Profugo afghano di 10 anni riabbraccia la famiglia dopo un anno: la triste storia del piccolo Mahdi

Sta commuovendo il mondo intero la storia di Mahdi, un bambino di dieci anni, profugo afghano, che dopo un anno ha potuto finalmente riabbracciare la sua mamma, il papà e le sorelle che per tutto questo tempo erano convinti fosse morto.

La storia del piccolo Mahdi e della sua famiglia ha avuto inizio un anno fa quando, nel gennaio del 2015, erano partiti dall’Afghanistan per sfuggire oltre che alle persecuzioni anche al matrimonio forzato al quale avrebbero dovuto assoggettarsi due sorelle. La famiglia è dunque riuscita a fuggire dal proprio paese e dopo quattro mesi di cammino erano riusciti ad arrivare sulla costa turca dove poi si sono imbarcati alla volta dell’Europa. Ma com’è facile immaginare, la confusione, le spinta, le grida dei naufraghi trasportati con forza sulle barche, dagli stessi trafficanti, hanno fatto si che il piccolo Mahdi e la sua famiglia siano riusciti a perdersi anche se hanno fatto tutto il possibile per rimanere tutti molto vicini. Proprio il bambino in questione, di soli dieci anni, si è tragicamente separato dalla famiglia, si è trovato dunque ad affrontare da solo un viaggio e un’esperienza terribile per qualsiasi persona quindi ancor più per un bambino, e proprio dopo la separazione, una volta arrivati al porto di Mitilene, ex comune della Grecia nella periferia dell’Egeo Settentrionale, i genitori e le sorella di Mahdi lo hanno atteso per diversi giorni nella speranza di riuscire a trovarlo e poter tornare ad essere finalmente di nuovo tutti insieme.

Ma purtroppo così non è andata e allora dopo diversi giorni di vana attesa i genitori e le sorelle, credendo che il piccolo fosse morto nel viaggio, nonostante il dolore e la disperazione, hanno continuato il loro viaggio verso la Germania. In realtà il piccolo Mahdi non era morto ma era riuscito a salire su un’altra barca che si era capovolta e quando i genitori sono riusciti a sapere che il loro bambino era ancora vivo sono subito tornati in Turchia per cercarlo ma nel frattempo il piccolo era arrivato anche lui al porto di Lesbo ed era stato accolto, fortunatamente, in un’altra famiglia afghana. Dopo un anno di lontananza e sofferenza, ecco che ieri è arrivato il gran giorno nel corso del quale la famiglia che un anno fa si era tragicamente divisa è tornata ad essere unita più che mai.

Un’avventura che sicuramente sia i genitori e le sorelle, ma soprattutto il piccolo Mahdi, non potranno mai dimenticare e che per sempre rimarrà scolpita nelle loro anime ma che per fortuna si è conclusa nel migliore dei modi. Il piccolo di soli dieci anni, proprio ieri, con un mazzo di fiori tra le mani e l’aria un po spaesata, è arrivato all’aeroporto di Hannover e li ha potuto riabbracciare, finalmente, la sua famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.