Puglia, solidarietà dopo lo tragedia: in fila negli ospedali per donare il sangue

0

Puglia, solidarietà dopo lo tragedia in fila negli ospedali per donare il sangue

La Puglia è sotto shock per quanto accaduto nella giornata di ieri, ovvero lo scontro tra due treni. A Bari dopo l’appello per la donazione del sangue, decine e decine di persone si sono sono in fila al Policlinico per effettuare il prelievo. In seguito al disastro ferroviario avvenuto in Puglia e soprattutto in seguito ai numerosi appelli alla donazione di sangue diffusi per le necessità di cura dei feriti gravi, il Centro nazionale del Sangue che riunisce le quattro Associazioni Avis, Croce Rossa, Fidas, Frattes, hanno comunicato attraverso la Bacheca nazionale per le Maxi emergenze, istituita dal CNS come strumento per il coordinamento dei meccanismi di compensazione e scambio interregionale di unità di sangue in caso di eventi straordinari, che è stata per il momento resa disponibile una scorta di sangue.

Il direttore del Policlinico, Vitangelo Dattoli, ha istituito un terzo turno per far fronte alle offerte di sangue, ed ancora ha disposto un rafforzamento della banca del sangue, inviando anche gli impiegati del proprio ufficio a dare una mano per leggere e catalogare il materiale cartaceo da compilare prima delle donazioni. “Si invitano, pertanto, le Associazioni e le Federazioni dei donatori di sangue alla massima collaborazione e i cittadini pugliesi a recarsi presso i servizi trasfusionali per effettuare, qualora possibile, la donazione di sangue. È importante che tutti siano consapevoli dell’importanza di questo gesto di solidarietà, indispensabile a garantire la continua disponibilità di sangue durante questa emergenza”, è questo quanto si è letto in un comunicato diffuso nella giornata di ieri dal Coordinamento regionale delle attività trasfusionali.

Anche l’Avis Corato ha diramato un comunicato in cui si legge: “Servono donatori del gruppo 0 positivo. Recatevi a donare presso l’Ospedale di Andria”. Anche il sindaco di Lecce, Paolo Perrone ha voluto lanciare il suo appello affinché la comunità rispondesse alla prova di solidarietà. “Possiamo dare una prova di grande solidarietà. Chi può doni il sangue anche nella nostra provincia presso i centri trasfusionali delle strutture ospedaliere, compreso ovviamente il Vito Fazzi. Possono farlo tutti i donatori idonei, senza differenza tra i gruppi sanguigni. C’è assoluto bisogno e ci sarà anche nei prossimi giorni. E’ un dramma enorme, da togliere il fiato. Vicinanza e affetto, con tutto il cuore, alle famiglie delle vittime”, ha dichiarato il sindaco. Il presidente nazionale di Avis, Vincenzo Saturni, ha voluto ringraziare i donatori ed esprimere la sua vicinanza alle famiglie delle vittime, ringraziando le sedi, i volontari e i donatori che si sono mobilitati da subito. “In questo momento un pensiero particolare va alle famiglie delle vittime e dei feriti. Invitiamo però sempre a seguire con attenzione le indicazioni che arrivano delle autorità sanitarie/trasfusionali e dalle sedi Avis che con esse collaborano”, ha aggiunto Saturni.

Rispondi o Commenta