Rapina bagnante a cazzotti, arrestato ma giudice lo libera

blitz-anti-abusivi-in-spiaggia-350950.660x368

La storia è avvenuta sul lungomare di Savona ed ha come protagonista un albanese di 36 anni. Nel corso del processo per direttissima è emerso che larichiesta di denaro da parte dello straniero non è arrivata percaso: quell’uomo, 57 anni, gli doveva mille euro per alcuneprestazioni lavorative non pagate.

Per questo il giudice Marco Canepa non ha convalidato l’arresto e ha disposto l’immediata liberazione dell’uomo che è difeso dall’avvocato Andrea Alpicrovi.

L’albanese così ha pensato di farsi giustizia da sè: ha rintracciato l’uomo in uno stabilimento balneare, lo ha aggredito e preso denaro e cellulare, poi si è allontanato. Lapolizia, intervenuta per una segnalazione di rapina, lo avevarintracciato in un vicino bar e arrestato. Per questo secondo il giudice il reato da contestare non è rapina, ma “esercizio arbitrario delle proprie ragioni” (per questo tipo di reato non è previsto l’arresto).

“Esercizio arbitrario delle proprie ragioni”. Con questa motivazione un uomo, arrestato giorni prima per rapina dopo aver preso a pugni un uomo al quale aveva sottratto il cellulare e 155 euro, è riuscito a dimostrare al giudice che la vittima dei suoi manrovesci gli doveva dei soldi. Così l’uomo è riuscito a evitare il carcere e tornare in libertà, dal momento che il giudice non ha convalidato l’arresto. La storia si è verificata sul lungomare di Savona ed ha visto protagonista un albanese di 36 anni. Nel corso del processo per direttissima è emerso che la richiesta di denaro da parte dello straniero non è arrivata per caso: quell’uomo, 57 anni, gli doveva mille euro per alcune prestazioni lavorative non pagate. L’albanese così ha rintracciato il suo debitore in uno stabilimento balneare, lo ha aggredito e ha preteso dei soldi, quindi si è allontanato. La polizia, intervenuta per una segnalazione di rapina, lo aveva rintracciato in un vicino bar e arrestato. Ma il comportamento dell’albanese per il giudice non è da rapinatore, bensì si tratta semplicemente dell’esercizio arbitrario delle proprie ragioni, reato che non prevede l’arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.