Referendum Trivelle, Renzi e Giorgio Napolitano nei guai: denunciati per l’invito all’astensione

Referendum Trivelle, Renzi e Giorgio Napolitano nei guai denunciati per l'invito all'astensione

Sono finiti nei guai il Premier Matteo Renzi e l‘ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, i quali sono stati denunciati da un cittadino 60enne residente nella frazione Torre Suda. Renzi ed il Presidente della Repubblica sono stati querelati, come già anticipato da un cittadino italiano ai sensi dell’articolo 98 del testo unico del 1957. Le immagini della denuncia sono state diffuse sul web a partire dalle prime ore di oggi ed hanno fatto il giro dell’Italia.

Il motivo? La denuncia riguarda il referendum, e nello specifico i due sono stati accusati di aver invitato i cittadini italiani all’astensione.”Il pubblico ufficiale, l’incaricato di un pubblico servizio, l’esercente di un servizio di pubblica necessità, il ministro di qualsiasi culto, chiunque investito di un pubblico potere o funzione civile o militare, abusando delle proprie attribuzioni e nell’esercizio di esse, si adopera a costringere gli elettori a firmare una dichiarazione di presentazione di candidati od a vincolare i suffragi degli elettori a favore od in pregiudizio di determinate liste o di determinati candidati o ad indurli all’astensione, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da lire 600.000 a lire 4.000.000″, si legge nell’articolo in questione.

Renzi e Napolitano sono stati accusati e per questo motivo denunciati di aver abusato della loro funzione, esortando pubblicamente attraverso televisione e stampa nazionale il popolo italiano all’astensione dal referendum del 17 aprile 2016.

“Se poi gli stessi, forti della loro posizione, credono nell’impunibilità, sarà il caso che l’Onorevole Procura di competenza li smentisca. Chi scrive parte dall’assunto che per primi i massimi esponenti dello Stato dovrebbero essere ligi ai dettati legislativi e soprattutto costituzionali”, ha aggiunto il 60enne. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.