Rezzano, pennarello esplode tra le mani di un anziano signore in biblioteca: rischia due dita

0

Davvero incredibile quanto accaduto nella giornata di mercoledì a Rezzano, in provincia di Brescia, dove un uomo di 68 anni originario della regione Lazio ma residente nel paesino, è rimasto ferito in seguito all’esplosione di un pennarello.

Come abbiamo anticipato lo spiacevole episodio si è verificato nella giornata di mercoledì intorno alle ore 10 all’interno di una biblioteca comunale di Rezzano. Purtroppo l’esplosione ha provocato una vera tragedia nel senso che l’anziano signore conosciuto anche alle forze dell’ordine per essere stato in passato un truffatore sarebbe rimasto gravemente ferito e starebbe rischiando di perdere addirittura tre dita. L’anziano signore avrebbe dichiarato di aver ritrovato l’oggetto nella cassetta delle lettere dell’abitazione di via della Disciplina che tra l’altro condivideva con un altro pensionato all’interno di una busta pubblicitaria.

Una volta aperta la busta l’anziano avrebbe messo il pennarello in tasca cominciando così a dirigersi verso la biblioteca di Via Leonardo da Vinci che frequentava spesso ed una volta entrato nei locali l’anziano signore ha preso il pennarello aprendo il tappo ed è letteralmente saltato in aria causandogli la perdita delle falangi delle prime tre dita della mano sinistra e alcune lievi bruciature sul visto. Intervenuti sul posto gli operatori del 118 che hanno soccorso l’anziano signore trasportandolo all’ospedale Civile di Brescia. I medici una volta giunto in ospedale l’anziano signore l’hanno visitato ed hanno ritenuto opportuno sottoporlo ad un delicato intervento chirurgico. Purtroppo le sue condizioni di salute rimangono ancora piuttosto gravi, l’uomo rischia di perdere l’uso delle tre dita. “Abbiamo sentito un rumore fortissimo provenire dalla zona dov’è situato il distributore delle bevande e ci siamo spaventate moltissimo. All’inizio temevamo il peggio, ma fortunatamente la cosa si è ridimensionata. Conosciamo bene l’anziano vittima dell’esplosione, è un nostro utente assiduo, una persona tranquilla”, ha raccontato la bibliotecaria ancora scioccata per quanto accaduto all’interno della biblioteca, avendo assistito all’esplosione.

Nel giro di pochissimi minuti la vicenda era già sulla bocca di tutti i cittadini di Rezzano,tanto che molti genitori hanno cominciato a chiamare all’Istituto scolastico chiedendo notizie, preoccupati per i propri figli. I carabinieri di Brescia stanno indagando per cercare di capire cosa sia potuto succedere e soprattutto se esiste un collegamento tra lo scoppio e la biblioteca. L’anziano signore ha di proposito fatto esplodere il pennarello all’interno della biblioteca o si è trattato di una coincidenza? Le indagini dei carabinieri, al momento si stanno concentrando solo sull’uomo e sul suo passato, visto che come abbiamo già anticipato, lo stesso sembra essere noto alle forze di polizia.Dopo una serie di accertamenti, i militari hanno assicurato che non ci sarebbe alcun legame con il fatto di essere in biblioteca, posto in cui da quanto emerso si recava con molta frequenza.  Bisognerà comunque attendere gli esiti degli esami su quel che resta dell’ordigno.

Rispondi o Commenta