Roma, abusi in una scuola materna registrati da telecamere nascoste: arrestato bidello 57enne

0

roma-abusi-in-una-scuola-materna-registrati-da-telecamere-nascoste-arrestato-bidello-57enneOrmai ogni giorno sempre più vengono diffuse notizie che riguardano bambini vittime di abusi e maltrattamenti talvolta da parte di familiari o amici e in altre occasioni da parte di insegnanti. L’ultima terribile vicenda che vede come protagonisti i bambini di una scuola materna arriva direttamente dalla città di Roma dove un uomo e precisamente il bidello della scuola in questione è stato arrestato dopo che in seguito alle immagini registrate dalle telecamere installate di nascosto è stato possibile scoprire quello che faceva ai piccoli quando le maestre si allontanavano. Le indagini, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni sul caso, hanno preso il via all’inizio del mese di ottobre quando, due coppie di genitori avendo molti sospetti dovuti ai comportamenti dei loro figli e i racconti forniti da quest’ultimi hanno deciso di denunciare il tutto all’autorità giudiziaria e così immediatamente dopo la denuncia il pm Francesca Passaniti, con l’aggiunto Maria Monteleone, ha deciso di intervenire disponendo immediatamente l’installazione delle telecamere all’interno della scuola materna a Nuovo Salario permettendo così di registrare quello che avveniva all’interno della scuola e scoprire dunque se l’uomo assumeva dei comportamenti deprecabili nei confronti dei più piccoli.

Ed ecco che proprio lo scorso venerdì il bidello, un uomo di 57 anni, è stato registrato mentre si trovava all’interno di una stanza adibita al gioco insieme ai bambini e, dopo aver atteso l’allontanamento delle maestre si sarebbe avvicinato ai piccoli alunni facendo finta di giocare con loro e approfittandone successivamente dopo per molestarli. Immagini inequivocabili che non hanno lasciato alcun dubbio negli inquirenti che hanno deciso di intervenire immediatamente all’interno dell’asilo dove è stato effettuato l’arresto. Le bambine, vittime degli abusi dell’uomo, avevano manifestato il loro fastidio parlando proprio con i genitori per le attenzioni sessualmente connotate dell’indagato e fortunatamente le mamme e i papà hanno saputo ascoltare la loro richiesta di aiuto e sono intervenuti denunciando il tutto all’autorità giudiziaria. La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta e sono attualmente in corso le indagini per scoprire l’eventuale presenza di altri episodi di violenza a danno di altri bambini. 

Purtroppo questo non rappresenta il primo caso in cui, proprio all’interno dell’ambiente scolastico i bambini si trovano costretti a subire maltrattamenti e violenze ed infatti, proprio nei mesi scorsi un educatore della scuola primaria sita nello specifico nella zona Romanina è stato arrestato e condannato a sette anni di carcere per avere abusato sessualmente di un bambino di otto anni , disabile e con uno sviluppo cognitivo di tre o quattro anni. Una violenza questa che ha avuto luogo nei bagni della struttura scolastica ed effettuare tale arresto, anche in questa occasione, è stato assolutamente possibile grazie a delle telecamere impiantante di nascosto all’interno della scuola.

Rispondi o Commenta