Roma, anziano titolare di una taverna ucciso a colpi di bottiglie da un tassista ubriaco: arrestato

Roma, anziano titolare di una taverna ucciso a colpi di bottiglie da un tassista ubriaco arrestato

Incredibile quanto avvenuto nella notte tra lunedì e martedì a Roma, dove un anziano signore gestore di un locale di Prati è stato ucciso in modo davvero assurdo, ovvero a bottigliate. La vittima si chiama Nino Sorrentino, un anziano signore di 76 anni che come ogni sera teneva fino a tardi apertoil suo locale, che si trova in via Premuda al civico 17, ma due notti fa purtroppo qualcosa è andato storto; l’anziano proprietario della taverna sembra abbia avuto un alterco con un cliente Joelson Bernasconi, ovvero un tassista di 33anni di origine brasiliane il quale è stato entrato già ubriaco nel locale di Sorrentino e forse per via della sua condizione l’anziano signore si sarebbe rifiutato di servirgli ancora dell’alcol.

Purtroppo questo rifiuto ha mandato in escandescenza il tassista che ha cominciato a colpire l’anziano signore con un bottiglia, sia sulla testa che sul collo, lasciandolo per terra in un bagno di sangue, scappando.

Il tassista è stato visto scappare dal locale a bordo di un’auto bianca di servizio, facendo perdere in pochi attimi le sue tracce; anche i vicini di casa, della piccola enoteca “Vini e olio” gestiti da Sorrentino, avevo capito che qualcosa non andava, visto che avevano udito l’anziano signore urlare per via delle percosse che stava ricevendo.I vicini così hanno subito chiamato i soccorsi che nel giro di pochi istanti sono arrivati sul posto trovando il povero titolare della taverna riverso per terra in una bozza di sangue, ma ancora vivo e cosciente.Le sue condizioni di salute erano piuttosto gravi ma da quanto è emerso sembra che sia riuscito lo stesso a parlare con i carabinieri della stazione Trionfale raccontando a stenti purtroppo quanto accaduto, fornendo così agli inquirenti degli elementi piuttosto importanti per l’esito delle indagini. Nel frattempo il tassista si era dato alla fuga con l’auto di servizio, e nonostante fosse piuttosto ubriaco ed alla guida, continuava a portare in giro clienti; ma la sua fuga sembrerebbe essere durata davvero poco, visto che dopo circa due ore dall’aggressione, i carabinieri sono riusciti, anche grazie alle testimonianze dei vicini a rintracciare il tassista che ha tentato fino alla fine di scappare, investendo uno dei carabinieri ferendone uno anche in maniera piuttosto grave.

Dopo una colluttazione Bernasconi è stato finalmente arrestato e proprio al momento dell’arresto l’uomo era ancora ubriaco e sporco di sangue.I militari lo hanno condotto al carcere Regina Coeli, accusato di omicidio volontario. Adesso dovrà essere ascoltato dal magistrato incaricato delle indagini al quale dovrà spiegare il motivo che lo ha spinto a compiere questo grave gesto. Purtroppo nel frattempo l’anziano signore, che riversava in condizioni davvero molto grave, dopo essere arrivato al pronto soccorso dell’Ospedale Santo Spirito è deceduto a causa di un forte trauma cranico. La salma di Sorrentino è stata trasferita al Gemelli per poter effettuare l’autopsia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.