Roma, Matteo Salvini il leader del Carroccio: ” tra Giachetti e Raggi voto lei”

Roma, Matteo Salvini il leader del Carroccio Voterei Raggi al ballottaggio qualora non ce la facesse la Meloni

“Con un ballottaggio tra Pd e M5S a Roma “sicuramente non voto il Pd, neanche sotto tortura, voterei la Raggi”, ha dichairato Matteo Salvini, segretario della Lega Nord intervistato da Lucia Annunziata in ‘In1/2H’ su Raitre.«I sondaggi dicono che al ballottaggio andrà la Meloni con la Raggi. Se Giorgia non ci arrivasse io non voterei mai un candidato del Pd perchè il problema dell’ Italia è il chiacchierone Renzi, io un uomo del Pd non lo voto nemmeno sotto tortura per cui al ballottaggio Giachetti-Raggi voterei la Raggi» ha aggiunto Salvini.

Alla domanda della giornalista se al ballottaggio dovesse andare invece Manchini, il leader del Carroccio risponde che sicuramente lui non voterà un uomo del Pd, aggiungendo anche che Silvio Berlusconi ha sbagliato a non puntare su Giorgia Meloni, visto che i dati la danno come vincente o quanto meno al ballottaggio.Proprio parlando di Alfio Marchini, Matteo Salvini lo paragona a Marino , che arrivava in macchina e poi l’ultimo chilometro lo faceva in bicicletta. Mi sembra una presa in giro nei confronti dei romani, se ti sei guadagnato la Ferrari vai in Ferrari” ha aggiunto il leghista. Salvini a proposito ancora di Marchini ha dichiarato di aver semplicemente contestato i compagni di viaggio di quest avventura, a cominciare da Casini, Fini, Alemanno e che a Roma hanno già visto all’opera, talvolta anche con risultati davvero proprio scarsi.

Il leader torna a parlare anche del Movimento cinque stelle definendo l’ascese di questo partito come una ventata di novità e pulizia peccato che però nell’ultimo periodo abbiano presentato qualche problema di onestà, uno dei punti focali insieme a “trasparenza” del progetto politico ma anche di vita di Matteo Salvini.C’è un tema che ci divide dai cinque stelle ed è quello della sicurezza e dell’immigrazione, sia a Bruxelles o Roma M5s votano più a sinistra della sinistra per integrazione e tutela rom. I grillini hanno dato lezione di morale per mesi poi quando un’inchiesta arriva a casa loro e bisogna aspettare le sentenze. È vero e giusto, ma io lo dico sempre e non solo quando riguarda me”, ha dichiarato ancora il leder del Carroccio sempre nel corso dell’intervista.

“A Milano si vince. Noi abbiamo un buon candidato sindaco e un’idea chiara di città. Il 5 giugno ci sarà una bellissima sorpresa” ha detto Salvini Milano nel corso del suo giro al mercato cittadino organizzato per la Festa di via Ripamonti. “Bisogna guardare alla sostanza e non alla forma, quindi a Roma e Milano riammetterei le liste che hanno presentato le firme, ma sbagliato la virgola, la virgola e l’aggettivo”, ha aggiunto Salvini .Poi Matteo Salvini conclude parlando del suo partito,sostenendo che se è considerato il partito più forte del centrodestra di sicuro non lo dice lui ma gli elettori che giorno dopo giorno continuano a dimostrargli la loro vicinanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.