Roma, Matteo Salvini in visita a Tor Sapienza “Chi vuole governare con noi deve chiudere i campi rom”

Ancora una volta la presenza di Matteo Salvini ha creato momenti di forte tensione, questa volta nel quartiere di Tor Sapienza a Roma,dove il premier della Lega Nord ha fatto visita nella giornata di ieri. Momenti di tensione, dunque, si sono vissuti tra nomadi e residenti del quartiere sopra citato, in seguito alla visita di Matteo Salvini al campo rom di via Salviati dopo un anno dal violento episodio di razzismo nei confronti di un centro per rifugiati e migranti.

I presenti hanno accolto il Premier Matteo Salvini acclamandolo a gran voce “Matteo, Matteo”, e poi hanno cominciato a riservare fischi ed insulti nei confronti dei migranti invocando le ruspe. “O si mette in regola o io in sei mesi questo campo lo spiano“, ha dichiarato Salvini che tra l’altro non ha fatto altro che scattare delle fotografie per tutto il tempo della visita per documentare le condizioni di degrado presenti nel quartiere a sostegno della sua tesi, ovvero quella di smantellare il campo in questione. “Questa è una situazione che non giova a nessuno né ai cittadini né a voi.Quanti di voi hanno un lavoro? Quanti sono i bambini che ogni mattina vanno a scuola? Chi paga le tasse ed è in regola con il fisco italiano?”, queste le domande di Salvini rivolte ai rom presenti.

“La colpa di tutto questo è della politica. Prima di essere eletti promettono, poi ci abbandonano a noi stessi. Siamo 80 famiglie e 850 persone e tutti lavoriamo”, hanno dichiarato i nomadi, rispondendo alle domande del leghista che controbatte sostenendo che chi lavora si paga un mutuo e vive in una casa normale o comunque non si costruisce una baracca in mezzo al nulla. “Noi da qui non ce ne andiamo pensate prima agli italiani poveri che dormono nelle macchine, che ne fate dei soldi e delle ville dei mafiosi?”, hanno gridato gli esponenti della comunità.

‘Tante promesse ma pochi fatti, non si possono fare domeniche a piedi e blocchi delle auto quando ci sono roghi tossici, quando rubano tre chilometri di cavi di rame, prostituzione nelle strade, appartamenti con venti persone dentro senza alcun tipo di controllo.Chiunque vuole amministrare Roma deve partire da qui e non dal Colosseo o dai Fori imperiali”, ha ancora aggiunto il leader di Matteo Salvini incontrando i cittadini di Tor Sapienza nel corso del sopralluogo di ieri.“I campi rom abusivi e quelli cosiddetti regolari vanno chiusi. Nel 2016 non si può vivere nei campi, nel degrado, di furti e accattonaggio.Chiunque vuole governare con la Lega, a Roma come a Milano o Torino, deve avere la legalità, l’ordine pubblico e la sicurezza come primo punto all’ordine del giorno. E deve chiudere i campi rom”, ha concluso Matteo Salvini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.