Roma, prescriveva terapie sbagliate e costose ai danni di bambini e adulti malati di tumore: denunciata falsa dottoressa

La malattia e tutto ciò che ne consegue portano spesso le persone ammalate e i propri cari, ad affidarsi alle cure di diversi specialisti nella speranza che possano migliorare la loro salute o meglio ancora, in altri casi, possano addirittura guarirli. Talvolta però il desiderio di guarire porta gli ammalati a fidarsi di un medico anche senza conoscerlo pensando dunque di affidarsi ad uno specialista che in realtà però non lo è.

Una situazione, questa, che suscita rabbia e repulsione nei confronti di queste persone e tale sentimento di rabbia e sdegno è ancora più forte quando si gioca con la salute dei più piccoli. L’ultimo caso arriva nello specifico dalla città di Roma dove una donna per diverso tempo ha finto di essere un medico specialista di un noto ospedale pediatrico della città arrivando al punto, addirittura, di prescrivere delle terapie molto costose da far seguire ai bambini malati di tumore ,ma anche ad alcuni adulti malati, ma che per sfortuna erano nulli per la loro salute in quanto da tali farmaci i piccoli e i grandi non ne traevano alcun beneficio.

A dare il via alle indagini è stata nello specifico la mamma di un bambino malato di tumore la quale, in seguito ad una “falsa” terapia che il medico aveva prescritto per il suo bambino ha deciso di indagare arrivando poi a scoprire dei particolari che l’hanno spinta a denunciare la donna. Per essere più precisi ecco che il finto medico aveva prescritto per il piccolo malato di tumore una medicina molto costosa a base di gocce, facendosela pagare ben 900 euro.

La mamma del piccolo ha però deciso di fare delle ricerche su internet scoprendo che, il farmaco che la presunta dottoressa aveva prescritto per il piccolo non era somministrabile per via orale come aveva chiesto il medico ma solo per via endovenosa e così, a questo punto, la donna ha chiamato la direzione medica dell’ospedale all’interno del quale il finto medico aveva affermato di lavorare ma ecco che nessuno conosceva il suo nome. A quel punto, la mamma del piccolo, si è rivolta ai Carabinieri i quali hanno dato il via alle indagini scoprendo che la donna non era iscritta all’Ordine dei medici e dunque non poteva esercitare la professione.

Purtroppo la donna aveva precedentemente truffato moltissime persone, tra queste vi è un uomo di 50 anni malato di tumore al quale aveva detto di aver trovato un farmaco in Svizzera che avrebbe potuto salvargli la vita arrivando ad incassare una cifra pari a 6 mila euro, e tanti altri ancora. La donna, che si spacciava per un medico specialista ma che non lo era, dopo essere stata smascherata dalla Polizia di Stato è stata denunciata e adesso dovrà rispondere dell’accusa di esercizio abusivo della professione e truffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.