Roma shock, paura su un treno della Roma-Lido: passeggero rompe vetro della cabina e ferisce capotreno

0

roma-shock-paura-su-un-treno-della-roma-lido-passeggero-rompe-vetro-della-cabina-e-ferisce-capotrenoSono stati momenti di forte tensione quelli vissuti, nella giornata di ieri lunedì 24 ottobre 2016 nella città di Roma e precisamente su un treno della Roma-Lido a Tor di Valle dove ha avuto luogo una violenta aggressione che ha lasciato senza parole moltissime persone e causato il ferimento della capotreno in servizio. Secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni sul caso sembrerebbe che poco prima delle ore 9.00 un uomo utilizzando un oggetto piuttosto pesante abbia rotto il finestrino della cabina di guida e alcune schegge avrebbero colpito in pieno viso la capotreno in servizio successivamente soccorsa. Secondo una prima ricostruzione dei fatti sembrerebbe che l’autore del gesto sia un passeggero esasperato che non riusciva a salire sul convoglio perché sovraffollato e così spinto dalla rabbia avrebbe rotto il finestrino della cabina di guida provocando il ferimento della donna. Immediatamente tutti i passeggeri a bordo sono stati invitati a scendere e inevitabilmente la situazione ha creato numerosi disagi e soprattutto la rabbia dei pendolari. Alla fermata di Piramide la capotreno, appena 31enne, colpita al volto da una scheggia di vetro è stata immediatamente soccorsa dagli operatori sanitari del 118 e trasportata presso l’Ospedale San Camillo in codice verde e stando a quanto trapelato dalle prime indiscrezioni sembrerebbe avere riportato un brutto trauma facciale.

A raccontare quanto di terribile è accaduto nelle prime ore del mattino di ieri ci hanno pensato proprio alcuni dei passeggeri che si trovavano a bordo del treno e, uno di questi ha nello specifico raccontato “Un giovane, impossibilitato ad entrare per la calca, ha colpito il vetro del finestrino della cabina di guida, una scheggia ha colpito una giovane conducente. E’ scattato il panico.  Le persone, vista la mancanza di informazioni, hanno cominciato a scendere dal treno fermo, altri sono rimasti a bordo. I conducenti sono usciti dalla cabina, decisi a bloccare il treno”. Come precedentemente anticipato i pendolari presenti sul treno hanno iniziato a protestare e proprio per tale motivo, per evitare ulteriori disagi e disservizi il convoglio è ripartito dopo poco tempo. A condannare l’accaduto ci ha pensato proprio Atac sostenendo che “tali comportamenti violenti, oltre ad essere intollerabili, danneggiano il servizio e il patrimonio pubblico, e quindi i cittadini-utenti” e concludendo poi “L’azienda esprime inoltre solidarietà alla lavoratrice ferita mentre svolgeva il suo lavoro al servizio della comunità”.

Chi sia il responsabile non è ancora chiaro e proprio nella speranza di poterlo presto individuare sono al vaglio degli investigatori le registrazioni delle telecamere di video sorveglianza della stazione. Sulla vicenda, su cui sta indagando il commissariato di polizia Esposzione, si è anche espressa Linda Meleo, assessora alla Mobilità la quale ha definito quanto accaduto un fatto increscioso e inaccettabile oltre che vergognoso e precisando poi “ Il rispetto per chi lavora per il bene della città dovrebbe essere sempre al primo posto. E noi siamo al fianco dei nostri lavoratori che quotidianamente si impegnano per far funzionare il trasporto pubblico della Capitale. Certo è che serve più vigilanza nelle stazioni affinché gesti così incivili non si ripetano più”.

Rispondi o Commenta