Roma, si finge un dipendente del Comune per estorcere 2 mila euro al titolare di un’attività commerciale: arrestato

Roma, si finge un dipendente del Comune per estorcere 2 mila euro al titolare di un’attività commerciale arrestato

E davvero incredibile quanto accaduto a Roma dove un  uomo, un finto dipendente del Comune di Roma per intascare una tangente di €2000 per alcuni controlli.  Il tutto si è scoperto grazie ad una telefonata sospetta ricevuta nella mattinata di lunedì dal titolare di una rivendita di pneumatici via Boccea,  il quale pare abbia ricevuto la chiamata da un uomo il quale si era qualificato come dipendente del Comune di Roma;  motivo della telefonata era sicuramente quello di preannunciare una visita per dei controlli sull’attività commerciale dello stesso che sarebbe avvenuto da lì a pochi giorni.  In effetti il giorno dopo, nell’attività commerciale in questione si è presentato un uomo il quale ha dichiarato di essere un dipendente del Comune di Roma e che un suo collega lo aveva avvisato del suo arrivo;  lo stesso avrebbe dovuto verificare la regolarità dell’attività commerciale sia da un punto di vista amministrativo che da un punto di vista relativo alla conformità del locale.

Come facile intuire, al termine del controllo del tutto finto l’uomo ovvero il finto dipendente comunale avrebbe fatto capire al titolare dell’attività commerciale della presenza di alcune irregolarità ed ancora aveva fatto intendere che i locali non fossero a norma perché necessitavano di lavori di adeguamento e che purtroppo questo avrebbe avuto un costo nel senso che sarebbe stata applicata una sanzione pecuniaria.

Una volta comunicato ciò, al titolare dell’attività commerciale, il finto dipendente  avrebbe anche comunicato allo stesso dell’esistenza di un modo per evitare la pena,  facendo intendere di essere disposto a chiudere un occhio nel caso in cui il titolare sarebbe stato disposto a pagare una somma di €2000 per ottenere un certificato che potesse attestare la regolarità delle attività commerciale per i prossimi cinque anni.  Il titolare  delle attività commerciale aveva capito o meglio intuito che sotto ci fosse qualcosa di losco  tanto che, dubbioso soprattutto molto preoccupato aveva deciso di rivolgersi agli agenti del commissariato Aurelio diretta da Alfredo Matteucci.

Subito dopo la segnalazione gli agenti di polizia si sono messi subito al lavoro organizzando un appuntamento proprio tra il titolare dell’attività e il finto dipendente del Comune di Roma,  incontro avvenuto esattamente come concordato durante il quale è avvenuta anche la consegna del denaro all’interno  di una busta bianca come da istruzioni ricevute.  All’uscita dal locale l’uomo ovvero il truffatore è stato bloccato dagli agenti di polizia e digli identificato,  ovviamente non si trattava di un dipendente del Comune di Roma ma anche un semplice  cittadino romano di 67 anni,  il quale è stato arrestato per estorsione e condotto  presso gli uffici del commissariato Aurelio. Gli agenti hanno anche attestato che il foglio attestante la regolarità dell’attività che il truffatore ha rilasciato al titolare dell’attività commerciale  con tanto di timbri del municipio  era un falso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.