Rottamazione cartelle esattoriali: al via la presentazione delle domande entro il 21 gennaio

0

rottamazione-cartelle-esattoriali-al-via-la-presentazione-delle-domande-entro-il-21-gennaioBuone notizie per tutti coloro i quali vorranno usufruire della rottamazione delle cartelle erariali, cancellando sanzioni ed interessi e potranno farlo entro il 21 gennaio 2017. Dunque, entro il prossimo mese di gennaio si potrà presentare la domanda per poter usufruire della possibilità di pagare scontate le cartelle esattoriali e quelle relative alle multe. Le domande potranno essere presentate utilizzando il modulo che Equitalia dovrà pubblicare entro il 7 novembre. Già alla presentazione della richiesta di adesione alla sanatoria si congelano i tempi di prescrizione e decadenza, ma contemporaneamente si fermano anche le cosiddette azioni esecutive del fisco, come le ganasce fiscali o il pignoramento. Vanno avanti gli interventi esecutivi già scattati. Il decreto riguarda tutte le cartelle esattoriali non solo quelle di Equitalia; i cittadini potranno dunque pagare le cartelle ricevute sulle imposte e sui contribuenti cancellando le sanzioni e gli interessi di mora. In pratica potranno essere pagate senza interessi e sanzioni anche le iscrizioni a ruolo fatte dagli altri concessionari, da quelli siciliani a quelli degli enti territoriali che hanno scelto altre società.

Si potrà usufruire dello sconto anche per l’Iva ma solo se l’imposta non riguarda il pagamento all’importazione; per quanto riguarda le multe stradali, lo sconto riguarda i soli interessi e le altri maggiorazioni previste. Una volta presentata la domanda, il cittadino dovrà anche scegliere di pagare l’importo dividendo in quattro rate, ed entro il 22 giugno il concessionario della riscossione dovrà anche comunicare a chi ha aderito l’importo complessivo dovuto e le singole rate, con la data di scadenza di ciascuna. Nello specifico le prime due rate saranno pari ciascuno ad un terzo del dovuto, le ultime due ad un sesto, e verranno calcolati gli interessi anche se chi vuole potrà benissimo pagare in unica soluzione. Le prime tre rate vanno comunque versate entro il 15 dicembre 2017, mentre la quarta entro il 15 marzo 2018.Della rottamazione delle cartelle ne ha parlato il ViceMinistro dell’Economia Enrico Zanetti a Porta a Porta, il quale ha definito questo provvedimento,una misura destinata ad operare su tutti i ruoli affidati ai concessionari della riscossione, ed ha chiarito che non si tratta di una norma solo su Equitalia.

Lo stesso viceministro dell’Economia e delle finanze Enrico Zanetti ha aggiunto, nel corso del suo intervento a Porta a Porta, facendo riferimento alla norma sulla rottamazione delle cartelle esattoriali contenuta del Documento programmatico di bilancio, che è una norma che tira una riga e che non esistono alternative, perchè altrimenti bisognerebbe lasciare tutto come adesso.Secondo quanto è emerso sembra che con questa manovra, il Governo possa arrivare a recuperare ben oltre 2 miliardi di euro nel 2017 e 900 menilioni nel 2018.Nonostante molti esperti siano piuttosto scettici, altri puntano sul fatto che su oltre mille miliardi le cartelle esigibili valgono più di 70 miliardi.

Rispondi o Commenta