Ruba preziosi granelli dalla spiaggia rosa dell’Isola Budelli, li restituisce dopo 30 anni “Mi sentivo in colpa”

Incredibile la storia che stiamo per raccontarvi che ha come protagonista una turista di nome Antonella la quale dopo aver commesso un furto dopo ben 30 anni ha cercato di rimediare. La signora in questione, di nome Antonella nel 1987 avrebbe portato via da Budelli un sacchetto di sabbia rosa, e dopo 30 anni ha voluto restituirlo, dopo essere venuta a conoscenza del fatto che un gruppo di ragazzi della scuola media di Mosso sognano di comprare con una colletta l’Isola di Budelli.

«Ho letto del sogno dei ragazzi e mi sono sentita in colpa. Questo è un sacchetto con la sabbia rosa che avevo portato via da Budelli nel 1987, ora ve lo restituisco», si legge nella lettera che Antonella ha scritto ed ha inviato agli uffici del parco nazionale. La donna non ha dichiarato dove vive ma ha solo confessato di chiamarsi Antonella e di aver rubato un sacchetto di sabbia ma di essersi pentita e di volerla restituire.

«Ho letto su qualche giornale e ascoltato alla tv cos’è questa sabbia, come si è formata, cosa è un parco naturale, ho capito quanto sia unica la Sardegna. Mi sono sentita in colpa e ho tenuto nascosto quel sacchetto di sabbia rosa, sempre con l’idea di restituirla all’isola. Stamani ho letto dell’iniziativa che la II B della scuola media di Mosso ha intrapreso per tutelare l’Isola di Budelli e finalmente ho deciso di chiamarvi per restituire la sabbia all’isola», si legge ancora nella lettera inviata da Antonella. Grazie all’idea di questi studenti della II B della scuola Media di Mosso, vicino Biella in Piemone, l’Isola di Budelli ha avuto quella porzione di sabbia che 30 anni fa, la signora Antonella portò via. Studenti lanciano colletta per salvare l’isola di Budelli.

“Vorremmo che fosse l’isola di tutti gli studenti d’Italia. Abbiamo calcolato che se ogni studente delle scuole italiane mettesse 50cent, avremmo subito i fondi necessari. Naturalmente accettiamo contributi anche da chi non è studente!”, hanno scritto gli studenti nella pagina Facebook nata proprio per promuovere una raccolta fondi.La signora Antonella, è stata ringraziata dal Presidente del parco, Giuseppe Bonanno il quale ha commentato dichiarando: “Ringraziamo Antonella per la scelta che ha fatto restituendo quella piccola porzione di Spiaggia Rosa al suo luogo naturale. Non è mai troppo tardi per capire l’importanza dei propri gesti per il mantenimento degli equilibri naturali di un territorio. Ringraziamo i bambini di Mosso perché con la loro mobilitazione hanno sensibilizzato alla cura di un bene naturale come l’Isola di Budelli anche i più grandi”.Il sacchetto con la sabbia è arrivato nella giornata di ieri presso gli uffici dell’Ente della Maddalena con una lettera di accompagnamento in cui la turista ha aggiunto di essersi sentita in colpa e di aver voluto rimediare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.