Rubavano droga ed armi da guerra dagli uffici del Tribunale: arrestati due dipendenti per furto e detenzione illegale di armi

rubavano-droga-ed-armi-da-guerra-dagli-uffici-del-tribunale-arrestati-due-dipendenti-per-furto-e-detenzione-illegale-di-armiPiuttosto grave quanto scoperto nei giorni scorsi a Cremona dove due dipendenti del Tribunale sono stati arrestati  dalla polizia con le accuse di peculato e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi da guerra e comuni da sparo.  Ebbene si, la polizia grazie ad una serie di indagini sono riusciti a smascherare i due dipendenti del Tribunale, i quali pare fosse abituali rubare armi e droga opportunamente custoditi come corpi di reato. Per appurare i comportamenti illeciti è stata di grande aiuto l’analisi delle riprese di videosorveglianza. Si tratta di Francesco Manfredi e Attilio Valcarenghi, e pare che proprio il primo sia stato accusato di peculato e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, mentre il secondo ovvero Valcarenghi sia stato accusato di peculato e detenzione illegale di armi da guerra e comuni da sparo.

Manfredi è un ex dipendente della raffineria Tamoil, assunto con contratto a tempo determinato da una ditta esterna convenzionata con il tribunale, mentre Valcarenghi è un dipendente del Comune di Soresina, in provincia di Crenoma, assegnato al tribunale con un contratto a tempo determinato e rinnovato di anno in anno. L’indagine in questione è stata svolta dai poliziotti della Squadra Mobile dal personale della sezione di polizia giudiziaria della Procura con la collaborazione anche del personale specializzato del Servizio centrale operativo ed ha permesso di appurare come Manfredi abusando della sua posizione abbia rubato in diverse occasioni della droga sequestrata e come già anticipato custodita nei reperti destinati alla distruzione a seguito della chiusura dei processi.

Ad incastrare i due, sono state anche le telecamere nascoste, le quali hanno filmato il responsabile dell’Ufficio Corpi di Reato mentre riempiva una borsa con 4 kg di droga, tra hashish, marijuana e cocaina; il responsabile, sarebbe stato tra l’altro fermato dagli agenti mentre si trovava in scooter, e nel corso di una perquisizione effettuata presso la sua abitazione, gli agenti avrebbero ritrovato numerose armi da guerra e sparo non denunciate e dunque detenute in modo del tutto illegale. I due dipendenti,  sono stati dunque arrestati e adesso si trovano in carcere a disposizione del magistrato.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.