Russia, 33enne partorisce e brucia viva la figlia gettandola nel forno: ‘Non sono capace di fare la mamma’

Russia, 33enne partorisce e brucia viva la figlia gettandola nel forno 'Non sono capace di fare la mamma'E’ davvero assurdo e sta lasciando senza parole il mondo intero quello che è accaduto nel villaggio di Polina Osipenko nella regione di Khabarovsk Krai, nella parte orientale della Russia, dove una giovane donna dopo avere partorito la sua bambina ha fatto qualcosa di veramente incredibile. La donna di soli 33 anni, il cui nome non è stato però rilasciato, subito dopo aver partorito la sua bambina ha deciso di ucciderla e per farlo ha scelto una maniera davvero incredibile ovvero gettarla in un forno e bruciarla viva.

Subito dopo aver compiuto questo folle gesto la donna ha preso il corpicino semi carbonizzato della sua bambina e ha cercato di sbarazzarsi delle prove gettandolo in un pozzo nero pubblico, ma ecco che proprio mentre cercava di occultare il piccolo cadavere è stata vista da alcune persone che, testimoni di quanto di abominevole stava accadendo, hanno subito lanciato l’allarme.

Adesso, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, bisognerà capire se nei confronti della donna verranno presi dei provvedimenti oppure se per la trentatreenne, accusata di aver bruciato viva la sua bambina appena nata e di aver cercato di occultarne il corpo, verrà chiesta l’interdizione mentale.

Un portavoce della polizia ha dichiarato “La 33enne ha detto che ha deciso di uccidere la figlia quasi immediatamente, perché dubitava della sua capacità di essere una buona genitrice per la bambina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.