San Valentino: Nel menù carciofi, asparagi, peperoni e capperi e si accende l’amore

Mancano davvero pochi alla festa degli innamorati ovvero al giorno di San Valentino e molte coppie stanno già pensando ai regali da fare alla prima fidanzata o al proprio fidanzato, marito o moglie che sia. In tanti stanno anche pensando ad organizzare una bella giornata visto che quest’anno San Valentino cadrà anche di domenica e dunque molte persone non avranno impegni lavorativi e potranno dedicare l’intera giornata al proprio partner.

Da chef, nutrizionisti arrivano i consigli per preparare il menù di San Valentino. In tanti, invece, sono alla ricerca di qualche gustosa ricetta da realizzare per il proprio partner; una cenetta a lume di candela e tanta passione sembra essere giusto il mix per festeggiare l’amore. Se la vostra idea è quella di organizzare una sorpresa al vostro partner e realizzare una cenetta gustosa vi indichiamo quelli che potrebbero essere i cibi da privilegiare e quelli che invece andrebbero eliminati. Cominciamo col dirvi che sarebbe meglio puntare su alcuni cibi dalle proprietà stimolanti, ovvero dei cibi afrodisiaci tipici della dieta mediterranea, a cominciare dagli ortaggi, pesce e frutta.

Attenzione ai capperi, che secondo quando diffuso dagli esperti ed anche dalla Bibbia, avrebbero delle proprietà afrodisiache. Secondo alcuni sondaggi, invece, a trionfare sulle tavole del 14 febbraio di quest’anno invece saranno i carciofi, i capperi appunto ed i cetrioli, perchè oltre ad avere delle proprietà organolettiche, secondo gli esperti questi alimenti non farebbero anche che accendere la passione. Questi alimenti vengono definiti afrodisiaci, ma come significa esattamente? Il loro ruolo è quello di rilasciare l’ossido nutrico che va ad agire consentendo la vasodilatazione che favorisce l’erezione maschile e gli analoghi meccanismi nelle donne. Sono questi i risultati ottenuti da uno studio condotto dal mediante metodologia Woa (Web Opinion Analysis) e promosso dal Polli Cooking Lab ovvero l’Osservatorio sulle tendenze alimentari dell’omonima azienda toscana.

Lo studio sarebbe stato condotto su un campione di 130 esperti tra nutrizionisti, chef stellati e sessuologi. A tal riguardo è intervenuto Roberto Conti, Executive Chef dello stellato Ristorante Trussardi alla Scala di Milano, il quale ha dichiarato: “Ritengo che il cibo già per sua natura sia passione dalla scelta degli ingredienti sino alla degustazione e alla condivisione. La dieta mediterranea è la massima espressione della passione per il benessere, una dichiarazione d’amore per il palato, la celebrazione dell’equilibrio tra salute e gusto. In questa direzione i prodotti che la definiscono sono ottimali per creare piatti capaci di coinvolgere tutti i sensi in un’esperienza che non parla solo al palato, ma anche alla vista e all’olfatto. La mia proposta per scatenare la passione prevede come antipasto gambero rosso crudo, rose, zenzero e mandorle, a seguire un risotto al lime, capperi e scampo e, come secondo, un trancio di Fassona piemontese con carciofi violetti all’agro”.

«La presenza dell’arginina, aminoacido che favorisce la liberazione dell’ossido nitrico – continua – è un’altra condizione che può conferire ad un alimento l’effetto afrodisiaco. Per evitare indesiderati effetti inibitori è importante evitare gli eccessi nell’assunzione di vino e sostanze alcoliche che, nonostante l’iniziale azione disinibitoria, con il passare del tempo fanno prevalere l’effetto inibitorio e induttivo della sonnolenza e in alcuni casi della cefalea. Va in ogni caso sconsigliato l’eccesso calorico che può ostacolare enormemente la passione perché può conferire una sensazione di appagamento, di sonnolenza e di malessere».

«Importante è inoltre decidere la location: mangiare seduti sul tappeto o addirittura a letto può essere un’idea intrigante», suggerisce Alberto Caputo, sessuologo dell’Istituto di Evoluzione Sessuale di Milano. «In ogni caso si dovrà rimanere leggeri e scegliere cibi da servire in piccole porzioni, per evitare che il flusso sanguigno si concentri sullo stomaco. Infine – continua – non potrà mancare anche un percorso fatto di tatto, gusto e olfatto, per avvicinarsi al proprio compagno utilizzando tutti i sensi».

Menù di San Valentino. Ma cosa preparare a cena per la festa degli innamorati? “La dieta mediterranea è la massima espressione della passione per il benessere, una dichiarazione d’amore per il palato, la celebrazione dell’equilibrio tra salute e gusto” afferma Roberto Conti, Executive Chef dello stellato Ristorante Trussardi alla Scala di Milano. “La mia proposta per scatenare la passione prevede come antipasto gambero rosso crudo, rose, zenzero e mandorle, a seguire un risotto al lime, capperi e scampo e, come secondo, un trancio di Fassona piemontese con carciofi violetti all’agro”. Il pesce è protagonista anche nella proposta di menù di Chicco Cerea, Executive Chef del Ristorante Da Vittorio di Brusaporto (BG) insignito di tre Stelle Michelin: “La mia proposta prevede come primo una zuppetta di gamberi viola, scarola e olive taggiasche, a seguire un secondo a base di cuori di carciofi al coriandolo e profumo di timo, e come contorno un’insalata di cuore di sedano, bottarga di muggine e aceto balsamico invecchiato”.

A San Valentino tutti sanno cos’è l’amore, ma nessuno, forse, sa comprenderlo totalmente. Perché l’amore non accetta definizioni: è un’esperienza che va vissuta fino in fondo. Come fa #Gioia Lieve, la protagonista del nuovo romanzo di Annarita Briganti, L’amore è una favola (Cairo, pp.192,13 euro) che attraversa la vita e i sentimenti con la felicità e la leggerezza che il suo nome suggerisce, nei limiti del possibile. Gioia è una giornalista culturale freelance, ovvero precaria, e una scrittrice. Conosce Guido Giacometti, l’Artista, per un lavoro che inizialmente non voleva fare. Una delle sue più care amiche, Marcella, le chiede all’ultimo minuto di scrivere la prefazione al catalogo della mostra dell’Artista, Cuori Ribelli, che sarà inaugurata al Museo Madre di Napoli, il giorno di San Valentino.

E così Gioia incontra Giacometti, enfant prodige della scena artistica, nonché seduttore seriale. È amore a prima vista,maun amore difficile e contrastato,
che lei cerca di far crescere contro tutto e contro tutti. Tra presentazioni di libri, festival, vernissage e pranzi in riva al mare, seguiamo la loro storia, fino all’inatteso epilogo. Ambientato tra Milano e Napoli, tra Arte e Editoria, L’amore è una favola contiene anche una dura condanna della violenza contro le donne, che irrompe nella complicata esistenza della protagonista. Un romanzo che parla della vita, per tutti quelli che hanno il coraggio di amare, lottare, sperare.

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.