Abbandonate le sculacciate educative ai bambini, gli esperti lanciato l’allarme

0

Sculacciate ai bambini, gli esperti lanciato l'allarme Aumentano la loro aggressività e causano disagi

No alle sculacciate sul sedere dei vostri figli,è questo quanto dichiarato da alcuni studiosi che hanno analizzato gli effetti della “sculacciata” sui più piccoli. Sempre più spesso i bambini vengono sculacciati e proprio questi sembrano mettere in atto dei comportamenti aggressivi ed in tante occasioni anche cattive.

E’ risaputo che gli schiaffi non hanno un effetto educativo e nella maggior parte dei casi sortiscono l’effetto contrario, ovvero provocano atteggiamenti di sfida nei confronti degli stessi genitori,comportamenti anti-sociali ed aggressivi. Gli esperti,sostengono che gli schiaffi nei casi più gravi non fanno altro che esporre i bambini anche ad un disagio mentale e difficoltà cognitiva. E’ questo sostanzialmente quanto dichiarato da un gruppo di ricercatori dell’università del Texas e del Michigan che hanno analizzato proprio gli effetti della sculacciata sulla salute mentale dei bambini. “La sculacciata rischia di provocare l’atteggiamento opposto di quello desiderato da padri e madri dei ragazzi”, spiega Andrew Grogan-Kaylor dell’Università del Michigan.

La ricerca in questione è durata ben 50 anni nel corso dei quali sono stati presi in esame 160.000 bambini, ed i cui risultati sono stati poi pubblicati nel Journal of Family Psychology. Intervenuta sulla questione anche Elizabeth Gershoff, docente di Sociologia della famiglia all’Università del Texas di Austin la quale ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che ‘la sculacciata’ era associata a risultati negativi e non a un maggior rispetto delle regole o a atteggiamenti di ubbidienza. Esattamente il contrario di quanto vogliono i genitori quando puniscono in questo modo i figli”.

Secondo quanto riferito ancora dalla Gershoff, docente di Sociologia della famiglia, lo studio ha permesso di spiegare come la sculacciata provochi reazioni negative nei bambini,producono atteggiamenti opposti a quelli voluti dai genitori. Sono in tanti gli esperti, pediatri e sociologi nello specifico , i quali sostengono che sculacciare i figli non serve a nulla e soprattutto che non è giusto farlo anche se bisogna anche dire che esistono sculacciate e sculacciate, bisogna distinguere quelle “umilianti” per il bambino ovvero quelle date con violenza da quelle date con “leggerezza” mentre il bambino è in piedi o magari sta allontanandosi da noi.

Anna Oliveiro Ferraris, ovvero una nota psicologa e psicoterapeuta esperta in temi di educazione ed autrice del libro Non solo amore i bisogni psicologici dei bambini, è estremamente convinta del fatto che sculacciare i bambini non sia assolutamente giusto.“Viviamo in una società che pensa che sculacciare e picchiare i figli siano due cose diverse.La nostra ricerca mostra che la sculacciata in realtà dà gli stessi effetti negativi degli abusi, semplicemente lo fa in misura minore”, aggiungono gli esperti che hanno eseguito lo studio per 50 e lunghi anni.Purtroppo quella della sculacciata è una pratica molto diffusa tra i genitori, e lo testimoniano i dati diffusi dall’Unicef che in un rapporto parla di un 80%.

Più danni che benefici, insomma. In particolare sono stati evidenziati problemi per il benessere psico-fisico dei bambini i quali rischiano di crescere con risentimento nei confronti dei genitori e con tendenze anti-sociali. Inoltre la sculacciata aumenterebbe l’aggressività dei piccoli. Va precisato, infine, che nel 2010 alcuni ricercatori del Calvin College statunitense avevano dimostrato esattamente il contrario: cioè che i bambini sculacciati fino all’età di sei anni ottengono voti migliori a scuola e sono più ottimisti rispetto ai coetanei ai quali non vengono messe le mani addosso.

L’esperta. Anna Oliverio Ferraris, psicologa e psicoterapeuta, esperta in temi di educazione e autrice del libro Non solo amore, i bisogni psicologici dei bambini (edizione Giunti) è convinta che non sia giusto sculacciare i bambini.Non è giusto – spiega – . Quello che emerge da questo ultimo studio è noto da tempo. E poi c’è sculacciata e sculacciata. Un conto è quella in grande stile che è umiliante, un conto è un solo colpo lieve mentre il bambino è in piedi e magari sta allontanandosi”.

La punizione. Ma che fare allora quando un bimbo si comporta male, che metodo usare per punirlo e fargli  capire che sbaglia? “Non c’è un mondo unico, dipende sempre dal contesto e dal bambino – aggiunge Oliveiro Ferraris – . Una possibilità è vietargli qualcosa a cui tiene. Un’altra è allontanrlo per qualche tempo in modo che si tranquillizzi e mediti su ciò che ha fatto. Bisogna però anche chiedersi che cosa l’ha indotto a comportarsi male, a volte all’origine di un cattivo comportamento c’è l’incoerenza degli adulti”.

Un metodo diffuso. La sculacciata educativa è ancora molto diffusa: secondo l’Unicef la utilizzano l’80% delle mamme e i papà in tutto il mondo. Un capriccio, una disobbedienza o il continuo mancato rispetto delle regole possono portare i genitori ad alzare le mani. Accade anche quando il genitore, stanco, perde la pazienza.  Ma, secondo gli esperti statunitensi, sarebbe meglio farne a meno.

L’altra ricerca. Il risultato di questa nuova ricerca contraddice uno studio del 2010 dei ricercatori Calvin College che aveva dimostrato che i bambini sculacciati fino all’età di sei anni ottengono voti migliori a scuola e sono più ottimisti rispetto ai loro coetanei che non vengono mai sculacciati dai genitori.

Rispondi o Commenta