Scuola, concorsone 2016: al via le prove a Roma e Palermo, denunciate irregolarità

0

Scuola, concorsone 2016 al via le prove a Roma e Palermo, denunciate irregolarità

Si è tenuta ieri mattina la prima prova del tanto discusso concorso per la scuola tanto voluto dal Premier Matteo Renzi e dal ministro Stefania Giannini, che darà il posto a circa 63.000 nuovi insegnanti. Ieri si sono tenute le prime prove scritte e non sono mancate ovviamente le polemiche, perchè purtroppo sono emersi diversi episodi di irregolarità.Tanti insegnati si sono sfogati soprattutto sui social network dove in tanti hanno scritto delle irregolarità nei Liceo Virgilio di Roma, sito in via Giulia, accuse rilanciate anche da un esponente del Movimento cinque stelle, ovvero Silvia Chimenti. 

Nell’istituto in questione è stato richiesto l’intervento dei carabinieri. Non si è trattato di un caso isolato perchè altre segnalazioni sono arrivate anche dall’Istituto Margherita di Savoia, Plinio Seniore e Charles Darwin; tutte le segnalazione giunte riguardavano le prove, le griglie di valutazione ed anche i commissari. Sulla base di tutte le segnalazioni giunte, è intervenuta Maria Coscia, del Pd, la quale ha assolutamente sostenuto che le notizie circolate in rete riguardo alle prove definite “irregolari” sono risultate del tutto false.

Stesso pensiero è stato espresso dal Miur che tramite Twitter ha diffuso un comunicato nel quale si parla di prove regolari. A Roma e in Sicilia alcuni candidati hanno chiamato i Carabinieri,come abbiamo anticipato;le forze dell’ordine sarebbero state “chiamate per mettere a verbale la mancanza della commissione e delle griglie di valutazione, perchè mancano i verbali.Sulla vicenda è intervenuto anche l’ANIEF ovvero l’associazione degli insegnanti, che attraverso un comunicato ha dichiarato: “Il Ministero dell’Istruzione ha facoltà di smentire, ma è un dato di fatto che l’organizzazione del concorso a cattedra, iniziato oggi con le prime prove scritte, prive di griglie valutative, lascia molto a desiderare e nei prossimi giorni la situazione potrebbe diventare ancora più caotica, qualora dovesse arrivare il via libera dei giudici per l’accesso di tanti candidati illegittimamente esclusi”.

Intanto arrivano importanti novità direttamente dal COnsiglio di Stato in relazione alle prossime date di concorso. Ebbene sono stati ammessi al concorsone della scuola anche i semplici laureati senza abilitazione ed ancora anche i diplomati magistrali a indirizzo linguistico potranno sostenere la prova scritta del concorso di scuola elementare il prossimo 31 maggio. Questa notizia se da un lato fa gioire i candidato dall’altro ha destato alcune preoccupazioni alle commissioni giudicatrici dei concorsi.I giudici di Palazzo Spada hanno ammesso nelle graduatorie ad esaurimento i diplomati magistrali, secondo quanto riferito da Anief e dagli avvocati, con titolo acquisito prima del 2001, che per motivi alquanto misteriosi con quel titolo sono stati ammessi al concorsone del 2016 senza però avere accesso alle liste provinciali dalle quali si attinge metà dei posti da assegnare ogni anno per le immissioni in ruolo.

Rispondi o Commenta