Siracusa, tredicenne vittima di bullismo: aggredita con calci e pugni da una giovane 16enne

Il bullismo, a forma di comportamento sociale di tipo violento e intenzionale, diventa ogni giorno sempre più un fenomeno diffuso e discusso e l’ultimo caso arriva direttamente dalla Sicilia e nello specifico da Ortigia, in provincia di Siracusa dove una giovane di soli 13 anni è stata picchiata per strada, selvaggiamente, da una ragazzina di qualche anno più grande ed esattamente da una sedicenne. Ma vediamo nello specifico quanto accaduto.La ragazzina si trovava in compagnia delle sue amiche quando all’improvviso un gruppo di ragazzi si sono disposti intorno a lei quasi a formare un cerchio e la sedicenne si è scaraventata contro la giovane vittima di bullismo colpendola con calci e pugni.

La ragazzina, proprio a causa dei continui attacchi subiti è successivamente finita per terra e la sedicenne ha continuato a picchiarla senza fermarsi mai. Secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni e soprattutto secondo una prima ricostruzione dell’accaduto sembrerebbe che la ragazzina che ha aggredito la tredicenne fosse stata spinta da sentimenti di gelosia nutriti dall’aggressore nei confronti della vittima nel corso del tempo e sfociati poi in questa terribile rissa ampiamente documentata dai presenti attraverso video e fotografie effettuate con gli smartphone. Infatti, a destare più scalpore o meglio ancora a lasciare senza parole l’intera Italia oltre che il terribile atto di bullismo anche l’indifferenza o meglio l’incitazione alla violenza da parte dei presenti i quali, piuttosto che fermare la ragazzina si sono tutti disposti a cerchio intorno alla tredicenne arrivando addirittura a rivolgerle, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, parole offensive incitando inoltre la sedicenne a continuare la sua brutale aggressione contro la tredicenne sola ed indifesa.

Le amiche della giovanissima vittima di bullismo avrebbero tentato in tutti i modi di difendere la loro amica cercando di aprire, inutilmente, un varco tra la folla presente e agguerrita contro la tredicenne al punto tale da avere anche ostacolato l’intervento di soccorso delle forze dell’ordine. Addirittura, oltre a non essere intervenuti in difesa della tredicenne sembrerebbe che uno dei giovani che si trovava ad assistere a tale scempio avrebbe inoltre spinto la tredicenne contro colei che, con calci e pugni la stava colpendo davanti a moltissime persone.

Adesso, nella speranza di fare luce sulla questione e soprattutto per giustizia nei confronti della tredicenne che si è trovata a vivere questo incubo i cui segni saranno difficili da cancellare, i Carabinieri del Comando Stazione di Ortigia hanno subito avviato un’indagine e grazie alla testimonianza di alcuni presenti oltre che dei familiari sono riusciti ad identificare e denunciare l’autrice dell’aggressione accusata di lesioni e minacce, ma non solo. Grazie all’attento lavoro svolto dalle forze dell’ordine è stato possibile identificare alcune delle persone che hanno assistito alla violenza e che non hanno fatto assolutamente nulla per fermare l’aggressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.