Solar Impulse, atterrato ad Abu Dhabi l’aereo ad energia solare: viaggio lungo 42mila chilometri

0

f9f01231b74740169017447c57f98e82-kCcG-U10801433633239zuH-1024x576@LaStampa.it

E’ atterrato senza alcun tipo di problema l’aereo elvetico Solar Impulse; l’atterraggio è avvenuto nella giornata di ieri intorno alle ore 2.06 ora italiana, adAbu Dhabi, dopo aver effettuato il giro del mondo grazie all’energia solare.L’aereo in questione è stato costruito in Svizzera e si presenta in fibra di carbonio con un’apertura alare di 72 metri, più ampia di quella di un Boeing 747 ma pesa soltanto 2300 kg; sulle ali, Solar Impulse presenta circa 17 mila celle fotovoltaiche in silicio, che riforniscono quattro motori elettrici e caricano oltre 630 kg di batterie al litio.

Quello che è stato soprannominato l’aereo di carta, era partito dallo stesso aeroporto lo scorso 9 marzo 2015, effettuando un viaggio lungo circa 42 mila chilometri con l’obiettivo di promuovere le energie rinnovabili; il tour del Solar Impulse si è svolto in ben 17 tappe, dall’Asia agli Usa sorvolando il Pacifico poi il Mediterraneo e il Medio Oriente passando anche sopra l’Atlantico; la velocità raggiunta da Solar Impulse è stata tra i 50 ed i 90 chilometri orari.Anche Monte Carlo ha avuto la sua parte in questa impresa da sogno, in quanto pur partendo da Abu Dhabi, l’ok per la partenza è stato inviato dal Principato, per l’esattezza dal Monaco Control Center. A dare il via al velivolo è stato addirittura S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco in persona, che ha comunicato il fatidico “Go” dopo che l’equipe guidata da Raymond Clerc aveva ultimato tutte le operazioni necessarie alla partenza.

Inizialmente il viaggio sarebbe dovuto durare 5 mesi, con 25 ore di volo effettive e, invece, è durato di più a causa delle condizioni avverse del meteo e dei guasti tecnici.In un tweet, Piccard, ha scritto: “Ho lanciato questo progetto nel 2003 per trasmettere il messaggio che le tecnologie pulite possono compiere l’impossibile. Perchè quindi non sognare, non provare ancora“, aggiungendo anche di star lavorando alla creazione di un comitato internazionale per le energie pulite.Una volta giunto ad Abu Dhabi è stato accolto da una piccola folla e fra i presenti c’era anche la ministra svizzera dell’Energia, Doris Leuthard.

“Ho atteso questo momento per 15 anni, adesso tocca a voi proseguire la missione, siete il futuro”, ha dichiarato Piccard il quale è stato raggiunto dall’altro pilota Andrè Borshberg con il quale si è alternato alla guida dell’aereo durante il giro del mondo. “Abbiamo dei partner che non solo hanno finanziato il progetto, ma hanno anche portato le tecnologie che sono state applicate, messe in funzione. Tutto questo ha fatto volare Solar Impulse di giorno e di notte senza carburante. Il nostro mondo ha bisogno di questo”, spiega Bertrand Piccard. Intervenuto anche il segretario generale dell’Onu, Bank Ki-moon il quale ha espresso la sua profonda ammirazione per l’impresa. “E’ una giornata storica, non solo per voi ma per l’umanità”, ha dichiarato nel corso di una discussione con Piccard trasmessa sul sito di Solar Impulse.

ERA PARTITO TUTTO COSI – ARTICOLO SOTTOSTANTE PUBBLICATO PRIMA DELLA PARTENZA

E’ entrato nella mattinata di ieri nello spazio egiziano e atterrerà oggi all’aeroporto del Cairo, il Solar Impulse 2, ovvero l’aereo ad energia solare che sta tentando di compiere il giro del mondo senza nemmeno una goccia di carburante. E’ questo quanto riferito dal presidente della compagnia nazionale di navigazione aerea Ihab Mohieddine Azmy, il quale ha precisato che il velivolo ha varcato i confini egiziani intorno alle ore 15 locali di ieri. Per questa tappa al comando sembra esserci Andrè Borschberg, e questo tra l’altro sarà il suo ultimo viaggio, perchè il volo finale passerà ad un’altro pilota svizzero Bertrand Piccard. “Vogliamo rappresentare il nuovo mondo, il mondo della tecnologia pulita. Perché il futuro è pulito e inizia ora”, aveva twittato Borschberg in occasione del suo arrivo a Siviglia.Si tratta della sedicesima e penultima tappa prima dell’arrivo ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, dove nel marzo 2015 è stato inaugurato il primo “viaggio fotovoltaico” intorno al globo della storia.

Il viaggio di Solar Impulse 2, è cominciato esattamente lo scorso 9 marzo 2015 e da allora ha davvero girato il mondo grazie soltanto all’ausilio dei raggi solari e delle celle fotovoltaiche montate su tutta la superficie del velivolo. Si tratta, inevitabilmente di una impresa storica, ma non tutto è sempre filato liscio senza inconvenienti, perchè in questo lungo anno si sono verificati talvolta diversi malfunzionamenti prontamente riparati. Tra il 7 e l’8 luglio 2010, il velivolo si è mostrato in grado di volare per 24 ore, mantenendosi in volo durante la notte grazie alla carica accumulata durante il giorno. Il 13 maggio 2011 è stato protagonista di un viaggio durato 13 ore da Payerne a Bruxelles.Solar Impulse 2 non è il primo aereo alimentato dall’energia solare, ma è il primo in grado di continuare il volo anche in assenza di luce grazie alle batterie ai polimeri di litio, le quali hanno un peso di soli 630 kg su un totale di 2300 kg dell’intero aereo. Il progetto è stato finanziato in parte da società private come Solvay, Omega Sa, Deutsche Bank, Schindler, Bayer MaterialScience (divisione del gruppo Bayer), Altran Technologies e Swisscom.

 Ecco, qui di seguito elencate quelle che sono le caratteristiche generali riguardanti l’Equipaggio: 1; Lunghezza: 22.4 m (73.5 ft); Apertura alare: 71.9 m (236 ft); Altezza: 6.37 m (20.9 ft); Area dell’ala: 17,248 celle fotovoltaiche che coprono ala, fusoliera e piano orizzontale di coda per un totale di 269.5 m2; Peso: 2,300 kg (5,100 lb); Propulsione: 4 motori electrici alimentati da 4 batterie agli ioni di litio da 41 kWh (633 kg) che forniscono 13 kW, ciascun motore fornisce una potenza di 17.4 HP; Diametro eliche: 4 m (13.1 ft); Celocità di decollo: 20 kn (36 km/h).Per quanto riguarda la performance, ecco le caratteristiche relative alla velocità massima, di crociera e quota di servizio, rispettivamente 77 kn (140 km/h) 87 mph;49 kn (90 km/h) [33 kn (60 km/h) at night to save power];8,500 m (27,900 ft) con massima altitudine di 12000 metri (39,000 ft).

Rispondi o Commenta