Solesino, uomo di 67 si reca dai carabinieri e si autodenuncia: ‘Ho toccato mia nipote’

Solesino, uomo di 67 si reca dai carabinieri e si autodenuncia 'Ho toccato mia nipote'Ogni giorno sempre più è possibile ascoltare in tv o leggere sul web notizie di minori costretti a subire abusi o violenze di vario genere da parte dei propri cari. Un nonno di 67 anni di Solesino, comune italiano di 7.239 abitanti della provincia di Padova, in Veneto, ha però deciso di autodenunciarsi presentandosi dai carabinieri e raccontando la verità di quello che aveva fatto alla nipotina di soli undici anni.

Si è trattato di un unico episodio, ha raccontato il sessantasettenne, che è servito però a traumatizzare la nipotina e a far cadere in una profonda depressione proprio il nonno che è stato costretto a far ricorso alle cure di un psicoterapeuta. L’uomo, dopo essersi recato dai carabinieri, ha nello specifico raccontato di avere toccato in maniera piuttosto insistente i seni della nipotina sopra i vestiti e di averla abbracciata in maniera piuttosto morbosa.

In seguito a tale confessione il sessantasettenne di Solesino è stato processato con rito abbreviato e condannato a scontare una pena di due anni e dieci mesi di reclusione con l’accusa di violenza sessuale, reato aggravato dalla parentela e dalla giovanissima età della vittima.

Come precedentemente anticipato si è trattato di un unico episodio che però ha pesato fortemente sulla coscienza del nonno che ha voluto autodenunciarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.