Terrorismo, jihadisti di Bruxelles volevano far saltare gli Euro 2016 in programma in Francia

Terrorismo, jihadisti di Bruxelles volevano far saltare gli Euro 2016 in programma in Francia

I terroristi dell’aeroporto di Zaventem e della metro di Bruxelles stando a quanto emerso nelle ultime ore sembra abbiano avuto in mente di annullare l’Euro 2016 di calcio in programma in Francia a partire dal 10 giugno organizzando degli attacchi terroristici ovviamente prima di quella data. Quanto sopra dichiarato è quanto emerge da una registrazione ottenuta da Bfm Tv un audio di oltre 16 minuti preso dal computer di uno dei kamikaze di Zaventem, Ibrahim El Bakraoui. La registrazione di 16 minuti e 8 secondi, come già abbiamo anticipato è stata ottenuta da Bfm Tv ed emerge come l’artificiere Najim Laachraoui aveva preparato in 10 giorni un quintale di esplosivo Tatp. Il file contiene la conversazione registrata tra Ibrahim e un misterioso uomo in Siria. I due discutono i dettagli dell’operazione: i luoghi esatti dove farsi saltare in aria, gli orari, le modalità di spostamento. Chi deve morire, e chi invece deve sopravvivere.

Questo confermerebbe la confessione fatta dall’uomo con il cappello arrestato proprio lo scorso venerdì il quale aveva dichiarato che la cellula era entrata in azione in anticipo sui tempi temendo di essere neutralizzata dopo l’arresto di Salah Abdeslam, avvenuto lo scorso 18 marzo.“Per loro sarà una vera vergogna. Si tratta di una grossa perdita finanziaria e servirà loro da lezione”, queste le dichiarazioni di El Bakraoui attraverso le quali insisteva di volersi focalizzare sulla Francia, lasciando al Belgio il ruolo di base arretrata e puntava proprio sull’effetto anche economico di un attacco a poche ore da Euro 2016. “Se le affermazioni di Abrini fossero vere significa semplicemente che il Belgio è una base operativa dei terroristi che va sorvegliata ancora più intensamente. Non è uno scoop”, ha dichiarato una fonte anonima di polizia. Si continua a ricercare anche il terzo uomo e resta alta la tensione per gli altri possibili attacchi in Europa e per questo motivo l’Interpool ha avviato una ricerca per Hamra Hazaani, un giovane belga di 23 anni andato in Siria nel 2013 col fratello Yassin.

Potrebbe invece aver già fatto ritorno in Europa Younes Abaaoud, ovvero il fratello minire di Abdelhamid Abaaoud, colui il quale è considerata la mente della strage di Parigi; purtroppo arrivano notizie non proprio confortanti visto che secondo l’agenzia Belga il quindicenne Younes avrebbe intenzione di vendicare il fratello ucciso cinque giorni dopo le stragi del 13 novembre dalle teste di cuoio francesi. La procura federale belga ha annunciato che l’ex ladruncolo di Molenbeek noto col soprannome di “Brioche” giovedì prossimo comparirà assieme a Osama Krayem, Hervé B.M. e Bilal El Makhoukhi, davanti alla Camera di consiglio per la conferma della carcerazione preventiva.“Abaaoud si appresta a colpire l’Europa”: qualche mese prima degli attentati parigini del 13 novembre, Nicolas, uno jihadista francese arruolatosi in Siria avvertì i servizi segreti parigini dell’intenzione di Abdelhamid Abaaoud di passare all’azione insieme al commando di terroristi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.