Texas Shock, guardia carceraria colpita da infarto: detenuti evadono dalla cella per salvargli la vita

Texas, guardia carceraria colpita da infarto detenuti sfondano porta ed evadono dalla cella per salvargli la vitaStanno facendo il giro del mondo, nelle ultime ore, le immagini che vedono come protagonisti alcuni uomini detenuti nel carcere del tribunale di Weatherford in Texas i quali hanno deciso, senza pensarci due secondi, di trasgredire le regole, ma per una giusta causa. La guardia carceraria che si trovava nel carcere sopra citato per sorvegliare i detenuti sul più bello è stato colpito da un malore e nello specifico da un infarto motivo per il quale proprio i prigionieri hanno pensato subito di intervenire e di fare quindi il possibile per salvare la vita dell’uomo. I detenuti, che in totale erano otto, si trovavano in una cella chiusa a chiave e la guardia carceraria invece si trovava seduta a un tavolo a pochi metri di distanza dalla cella quando è stato colpito dal malore e rendendosi conto di quello che stava accadendo, hanno subito iniziato ad urlare cercando di richiamare l’attenzione e dunque per chiedere aiuto ma purtroppo ogni tentativo risultava essere vano in quanto, nessuno è accorso sul luogo in cui stava accadendo la tragedia.

Leggi Anche  New York, Natale 2015 il più caldo da 20 anni: superati i 20 gradi, tutti a maniche corte

Proprio per questo motivo, per evitare la tragedia, i detenuti sono subito intervenuti sfondando la porta della cella per prestare subito aiuto all’uomo che nel frattempo, a causa di un attacco di cuore, si era accasciato per terra. Poco dopo, grazie alle urla dei detenuti in questione, ecco che come testimoniato dalle immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza di Weatherford, in Texas, sul luogo è subito giunto lo sceriffo il quale ha immediatamente fatto rientrare i prigionieri all’interno della cella e successivamente ha praticato una rianimazione cardiopolmonare sulla guardia. Fortunatamente la guardia carceraria, grazie proprio al tempestivo intervento dei detenuti, si è salvato e nelle prossime settimane potrà addirittura tornare a lavoro.

Sulla delicata questione si è espresso proprio lo sceriffo della contea di Parker ovvero Mark Arnett il quale ha nello specifico affermato “Gli hanno salvato la vita non c’è alcun dubbio. Tutti i detenuti erano in manette e non potevano praticare il massaggio cardiaco, ma senza il loro intervento non sappiamo come si sarebbe conclusa la vicenda” mentre invece, proprio uno dei detenuti in questione, Nick Kelton, ha dichiarato a KHOU “Eravamo preoccupati che sarebbero arrivati con le pistole spianate. Tuttavia non mi è mai passato per la mente di non aiutarlo. È un uomo buono”. Un altro carcerato invece, all’emittente Wfaa 8 ha raccontato “Era svenuto, sembrava un attacco di cuore, poteva morire lì” precisando inoltre di non averci pensato nemmeno per un istante di non uscire dalla cella per aiutare l’uomo sottolineando che proprio la guardia carceraria in questione “E’ sempre stata una brava persona“. La vicenda risale nello specifico allo scorso 23 giugno ma le immagini che testimoniano il ‘savataggio’ da parte dei detenuti è stato diffuso soltanto nelle ultime ore.

Un secondino è stato salvato da 8 carcerati,negli Usa, che non hanno esitato a sfondare una porta. E’ successo nel penitenziario del tribunale di Weatherford, nel Texas.

Secondino dovrà ringraziare i detenuti

Sembrava un tentativo di evasione, invece quegli 8 detenuti non hanno esitato a rompere la porta per salvare il secondino, colpito da un infarto. L’uomo era seduto davanti a una scrivania, a pochi metri dalla porta poi divelta dai detenuti. Quando hanno visto la guardia carceraria accasciarsi, i carcerati hanno iniziato ad urlare per richiamare l’attenzione. Non è arrivato nessuno e allora sono stati costretti asfondare la porta. Sul posto è arrivato subito lo sceriffo che ha invitato i detenuti a rientrare in cella ed ha soccorso il secondino che, a breve potrà tornare in servizio. La guardia carceraria deve senza dubbio ringraziare i detenuti  perché, se non fosse stato per loro, forse sarebbe morto.

La testimonianza del detenuto Nick Kelton

E poi dicono che i detenuti sono vili, immondi, incapaci, etc… I detenuti sono esseri umani e meritano rispetto. Nessuno può arrogarsi il diritto di sentirsi superiore ai propri simili ed offenderli. La vicenda avvenuta nel carcere di un tribunale texano dimostra che non tutti i carcerati sono spietati disumani, anzi. Il detenuto Nick Kelton ha detto:

“Si è accasciato (il secondino) all’improvviso sul tavolo. Sembrava morto. Eravamo preoccupatiperché gli agenti, una volta arrivati, avevano le pistole spianate contro di noi. Ho subito pensato a salvarlo perché è veramente un uomo buono”.

Il capitano Mark Arnett ha elogiato i detenuti durante un’intervista a NBC News, sottolineando che hanno subito preso la radio del secondino per chiedere aiuto. Non appena la guardia carceraria è caduta a terra, i prigionieri hanno iniziato ad urlare e, probabilmente, non avrebbero mai sfondato la porta se qualcuno fosse subito venuto in suo aiuto. La Polizia texana, comunque, è certa che quegli 8 detenuti hanno salvato la vita a un secondino, che presto tornerà a lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *