Torino, inaugurata al Regina Margherita l’Isola di Margherita per i bambini affetti da malattie rare

Torino, inaugurata al Regina Margherita l'Isola di Margherita per i bambini affetti da malattie rare

Inaugurato nei giorni scorsi il nuovo reparto dell‘ospedale Infantile Regina Margherita dedicato all’assistenza dei bambini colpiti purtroppo da malattie rare e che hanno resistito alle terapie. Si tratta di un’area chiamata Isola di Margherita pensato per i bambini affetti da rare patologie incurabili tra l’altro; l’isola è stata realizzata con un’alleanza di Adisco ovvero l’Associazione donatrici italiane sangue cordone ombelicale guidata da Maria Teresa Lavazza e Compagnia di San Paolo. Un investimento di oltre un milione e cinquecentomila euro complessivi, per questo importante progetto: un reparto all’avanguardia unico in Piemonte, diretto da Franca Fagioli, Direttore Dipartimento di Pediatria e Specialità Pediatriche. “Da quasi vent’anni presiedo sul territorio piemontese l’Associazione che, grazie alla ricerca sulle cellule staminali, ha aperto nuovi orizzonti per la cura delle malattie immunologiche e degenerative”, ha dichiarato Maria Teresa Lavazza, PresideNte di ADISCO -Sexione PIemonte.

Sono orgogliosa di dichiarare che fin dal 1997 siamo riusciti a raccogliere oltre dieci milioni di euro, che sono stati utilizzati sia per borse di studio a favore di medici, biologi ed ostetriche, che per l’acquisto di grandi strumentazioni ed allestimenti di camere sterili, ma soprattutto per la realizzazione di due reparti, il 23 maggio 2013 abbiamo donato all’ospedale il Day Hospital, ed oggi a distanza di tre anni, l’Isola di Margherita, entrambi sinergici alle attività di Oncoematologia Pediatrica dell’ospedale Infantile Regina Margherita”, ha dichiarato ancora Maria Teresa Lavazza. L’Isola di Margherita non è altro che una dimostrazione di eccellenza dell’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino che si conferma come uno degli ospedali migliori dell’Italia.

“Il nuovo reparto non deve essere un punto di arrivo, ma un punto di partenza e dare nuovi stimoli a tutti noi operatori per migliorare ulteriormente la qualità delle prestazioni”, afferma l’avv. Gian Paolo Zanetta, Direttore Generale Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino.La struttura nasce su oltre 700 mq, dotata di sei camere singole, ed è predisposta ad accogliere i nuclei familiari; all’interno della struttura sono presenti aree comuni,come l’acquario un mondo subacqueo dove seguire le evoluzioni dei pesci multicolori nel loro habitat, luogo di incontro e di osservazione, che inducono a fare una passeggiata.

Presenti all’interno della struttura anche tante altre aree come un’area di svago, gioco e lettura all’ingresso del reparto attrezzata con una piccola biblioteca, la cucina che potrà essere utilizzata ancora dai genitori ed una sala del raccoglimento sita in ogni reparto. In ogni camera, inoltre, è presente un salottino che ha un proprio bagno privato ed accanto al letto per i più piccoli è presente una poltrona-letto per i familiari. L‘isola è stata inaugurata nella giornata di ieri intorno alle ore 12.00 da Franca Fagioli, direttrice del dipartimento di pediatria e Maria Teresa Lavazza, presidente di Adisco Piemonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.