Torino shock, bambina di 2 mesi muore nel sonno: era stata vaccinata da poco

Torino shock, bambina di 2 mesi muore nel sonno era stata vaccinata da pocoAncora una bambina morta improvvisamente gettando nello sconforto i genitori e le persone più care, una nuova tragedia che ha avuto luogo proprio nella mattina di ieri, mercoledì 25 maggio 2016, a Lemie ovvero il comune italiano di 177 abitanti della città metropolitana di Torino, in Piemonte dove una bambina di soli due mesi ha tragicamente perso la vita proprio mentre si trovava nella sua culla.

La bimba di origini nigeriane si trovava ospite insieme ai suoi genitori in una comunità di rifugiati nel comune sopra citato quando, nella mattina di ieri è stata trovata priva di vita e secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni sembra proprio che la piccola sia morta per cause naturali e quindi, per quella che si è soliti chiamare la Sidis, sindrome della morte improvvisa del lattante, la morte in culla, che ogni anno in Italia uccide circa 300 neonati. Ad accorgersi che la piccola di due mesi non respirava è stata proprio la sua mamma che ha subito lanciato l’allarme e poco dopo, sul posto, sono arrivati i medici e gli infermieri del 118 che però, nonostante i vari tentativi e nonostante abbiano dunque in tutti i modi provato a salvare la vita della bambina, non hanno potuto far nulla e ogni tentativo è risultato vano in quanto la piccola si è poco dopo addormentata per sempre.

Ma ciò che ha fatto nascere il sospetto sulle reali cause della morte della neonata è stato proprio il fatto che poche ore prima alla bambina era stato somministrato il vaccino esavalente ovvero il vaccino contro difterite, epatite B, infezioni da Haemophilus Influenzae tipo B, pertosse, poliomielite e tetano ed in più anche il vaccino anti-Rotavirus. Sul corpo della neonata è stata disposta l’autopsia e solo in seguito all’esame autoptico sarà possibile stabilire la reale causa che ha portato la piccola alla morte. Sulla delicatissima questione si è espresso il Direttore Sanitario dell’ASL TO4, dottor Giovanni La Valle il quale ha nello specifico dichiarato “Non conoscendo le cause della morte, che saranno chiarite dal riscontro autoptico abbiamo bloccato, in via del tutto prudenziale, i lotti dei vaccini utilizzati e li stiamo sostituendo con altri. Le vaccinazioni non subiscono alcuna sospensione e sono regolarmente effettuate secondo i calendari programmati”.

Il Direttore Generale dell’ASL T04, ovvero il dottor Lorenzo Ardissone ha nello specifico dichiarato “Siamo particolarmente colpiti dal dramma. Siamo la Repubblica e stiamo predisponendo la documentazione clinica utile a chiarire quanto accaduto”. Il procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha invece dichiarato che “Il fascicolo è di atti relativi al decesso in quanto al momento non è accertata alcuna responsabilità. Dopo l’autopsia si faranno le valutazioni del caso” sottolineando che al momento la Procura non ha sequestrato alcun vaccino ma sono stati solamente ritirati alcuni lotti, da parte dell’Asl To4 a scopo cautelativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.