Tragedia a Fabriano, bambina di 4 mesi morta in asilo nido: ipotizzata la morte in culla

Una vera e propria tragedia ha avuto luogo nella mattina di ieri, 10 febbraio 2016, presso un asilo nido privato sito nello specifico a Fabriano, comune italiano di 31,570 abitanti della provincia di Ancona nelle Marche, dove una bambina di soli quattro mesi ha tragicamente perso la sua vita. Ma vediamo nello specifico quanto accaduto. La piccola di soli quattro mesi si trovava all’interno della culla dove, secondo una prima ricostruzione, riposava da qualche ora ed esattamente da circa le 9,00 del mattino ma quando intorno a mezzogiorno l’educatrice dell’asilo nido ha provato a svegliarla per darle il biberon ha fatto la tragica scoperta. La piccola infatti che si trovava all’interno della culla, era già morta e a nulla sono serviti i tentativi di rianimazione da parte delle educatrici che appunto hanno fatto il possibile per rianimare il corpicino della bambina ormai senza vita.

Subito sono stati chiamati i soccorsi e dopo pochissimo tempo sul posto sono arrivati gli operatori del 118 i quali, altro non hanno potuto fare se non verificare il decesso della neonata di appena quattro mesi. Le cause della morte della bambina sono ancora in fase di accertamento ma, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni e secondo una prima ricostruzione effettuata dalle forze dell’ordine sembrerebbe che la neonata sia stata colpita dalla sindrome della morte in culla, chiamata anche “sindrome della morte improvvisa del lattante” e “sindrome della morte improvvisa infantile”, un fenomeno che la scienza non sembrerebbe essere riuscita ancora a spiegare e che si manifesta appunto provocando l’improvvisa e dunque inaspettata morte del neonato che apparentemente mostra di essere sano. Una sindrome quella della “morte in culla” che colpisce i bambini entro il primo anno di vita e che per essere più precisi sembrerebbe colpire proprio i bambini nati sani.

I carabinieri hanno comunque avviato le indagini nella speranza di poter fare luce sulla questione e soprattutto per escludere qualsiasi altra ipotesi e proprio una fonte dei carabinieri avrebbe a tal proposito dichiarato “Stiamo svolgendo accertamenti sulla vicenda a 360 gradi, ma al momento non vi sono indagati. Il corpo della bimba e’ stato già messo a disposizione della Procura di Ancona, che probabilmente disporrà un autopsia”, ma è comunque importante precisare che sul corpo della neonata non sarebbero state trovate tracce di violenza di alcun tipo.

Sulla terribile tragedia si è espresso anche il sindaco di Fabriano il quale ha voluto esprimere il suo cordoglio e quello dell’ intera comunità alla famiglia della piccola colpita da questa granfe tragedia, affermando inoltre ” E’ veramente una tragedia che sconvolge tutta la città, usare le parole è difficile”. La morte di un bambino lascia sempre senza parole e la speranza è proprio quella di poter fare molto presto luce sulla tragedia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.