Operazione record a Milano: Trapianto di rene bambino di 6 anni riceve l’organo che gli salva la vita, il donatore aveva 1 anno

sala-kDLE-U4318084698036587-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443E’ stato effettuato alla fine dello scorso mese di aprile un intervento record dall’équipe di Trapianto del rene della Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano e proprio grazie a tale intervento un bambino di sei anni di nome Marco adesso potrà vivere una normalissima vita come gli altri bambini della sua età.

Il piccolo infatti, in dialisi peritonale da due lunghi anni a causa di una terribile malattia ai reni e nello specifico affetto da ipodisplasia renale bilaterale, proprio alla fine del mese di aprile è stato sottoposto ad una delicatissima operazione dopo aver ricevuto il rene di un bambino più piccolo, ovvero un bambino di soli un anno, deceduto a causa di un evento traumatico. Un evento davvero raro ed eccezionale quello a cui è stato sottoposto il piccolo Marco in quanto, secondo quanto dichiarato dal team che ha portato avanti l’operazione, sono davvero molto rari i casi in cui i donatori sono così piccoli come nel caso specifico dell’intervento in questione in cui il donatore aveva solo un anno. L’attesa per il piccolo Marco di soli sei anni è durata davvero tanto, due lunghi anni, ma ecco che proprio meno di un mese fa è arrivata la chiamata che ha cambiato la sua vita e quella delle persone a lui più care.

I genitori del bambino di 1 anno tragicamente morto, nonostante il grandissimo dolore provato per la morte del figlio hanno comunque deciso di fare un gesto di estrema generosità decidendo di acconsentire che, dal corpicino del loro bambino venissero prelevati gli organi. Claudio Beretta, chirurgo dell’Unità operativa di Trapianto di rene dell’Irccs di via Sforza si è espresso sulla delicatissima questione affermando che, negli ultimi cinque anni in Italia i trapianti di reni i cui organi provenivano da bambini di età inferiore ai due anni sono stati solamente 19 “a fronte di una disponibilità reale di 41 organi” proseguendo poi ” I restanti 22 reni non sono stati utilizzati per la difficoltà di molti Centri trapianto ad accettare questo tipo di donatori”.

Mariano Ferraresso, direttore dell’Unità operativa di Trapianto di rene, ha invece affrontato la questione sottolineando quanto, ad oggi, l’utilizzo di reni da parte di donatori molto piccoli sia un tema piuttosto dibattuto affermando che lo è “non solo per le difficoltà tecniche dell’intervento, ma anche per l’alto tasso di complicanze post-operatorie e l’eventuale immaturità dell’organo, che a lungo termine potrebbe compromettere la riuscita del trapianto”. Il chirurgo Claudio Beretta ha poi continuato precisando quello a cui adesso, dopo l’operazione, dovrà andare incontro il piccolo Marco, affermando nello specifico “Il bimbo dovrà continuare la terapia immunosoppressiva per tutta la vita e fare qualche attenzione in più al rischio di eventuali infezioni. Ma di fatto lo aspetta una vita praticamente normale, quasi come quella di tutti gli altri bambini”.

Un trapianto record. Da ricordare. Di quelli che fanno la storia. È quello effettuato al Policlinico di Milano: un bimbo di 6 anni, in dialisi da 2, ha ricevuto un rene nuovo da un bimbo di 1 anno,deceduto per un evento traumatico. Secondo il team di esperti che ha effettuato l’intervento sono rarissimi i casi di donatori così piccoli; ora il prossimo passo sarà ricondizionare reni di donatori deceduti con pochi anni di vita, per aumentare ulteriormente le possibilità di trapianto. L’intervento sul piccolo è avvenuto a fine aprile, ed è stato eseguito dall’equipe di Trapianto di rene della Fondazione Cà Granda Policlinico di Milano.

«In Italia – spiega Claudio Beretta, chirurgo dell’Unità Operativa di Trapianto di Rene – negli ultimi 5 anni sono stati trapiantati 19 reni provenienti da donatori con età inferiore ai due anni, a fronte di una disponibilità reale di 41 organi, mentre 22 reni non sono stati utilizzati per la difficoltà di molti Centri trapianto ad accettare questo tipo di donatori». Gli esperti del Policlinico, invece, possono mettere in campo le giuste competenze: «Il nostro Centro ha un’esperienza molto significativa con questo tipo di trapianto – aggiunge Beretta -. Infatti, dal 1969 ad oggi abbiamo eseguito 30 trapianti con reni provenienti da donatori di età inferiore ai 2 anni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.