Treviso shock, Assalto con chiodi e mitra a portavalori panico e terrore sull’autostrada A27: il colpo è fallito

c_2_articolo_3037144_upiimagepp

Intorno alle 18:30 tra Treviso Sud e Treviso Nord, nell’autostradaA27 si è verificato l’assalto ad un furgone portavalori.Chiuso il tratto tra Treviso Nord e Treviso Sud in entrambe le direzioni, con inevitabili disagi per il traffico. Centinaia i chiodi sull’asfalto anche nella corsia opposta per impedire ugualmente un eventuale inseguimento in senso contrario.Sul posto però, allertati sia da diversi automobilisti si sono subito recate le pattuglie delle volanti e della polizia autostradale, ma purtroppo nel frattempo gli assalitori sono riusciti a fuggire, su una Land Rover e un Porsche Panamera in direzione di Belluno, sfondando le reti esterne di protezione e con a bordo il denaro che veniva trasportato in quel momento, anche se il bottino è ancora da quantificare. Un testimone avrebbe inoltre riferito di aver visto i banditi tagliare il tetto del furgoncino.Le due guardie giurate sono rimaste entrambe ferite e sono state soccorse dai medici del Suem 118: un uomo ha riportato una lesione riconducibile ad un colpo di pistola mentre il collega si è procurato una ferita ad un ginocchio. Del mezzo pesante, da quanto si è appreso, non si troverebbero né autista né le chiavi. Secondo una testimone prima di aprire il fuoco i malviventi avrebbero “suggerito” alle guardie di abbassare la testa e avrebbero poi sparato numerosi colpi di mitra. Il traffico è stato bloccato su tutto il tracciato a causa delle auto in panne. L’inseguimento. Le mitragliate. I chiodi sull’asfalto. Il terrore. La striscia d’asfalto tra i cavalcavia della Treviso mare e quello di Nerbon, a Silea, si è trasformata nella scena di una delle più spettacolari rapine che la Marca abbia mai vissuto. Pochi chilometri più avanti altra scena simile, ma con solo tre veicoli coinvolti: un porta- valori e le auto dei banditi. Tutto calcolato al millimetro, al secondo, un piano organizzato nel dettaglio. Che ha mandato il tilt la viabilità – l’A27 chiusa in entrambi i sensi di marcia – costringendo migliaia di automobilisti a restare in coda fino a tarda notte o, scendere a guardare gli pneumatici dilaniati, o venir soccorsi dopo lo shock della rapina.

L’A/27. L’odissea, quella vera,è stata vissuta da chi si trovava in autostrada proprio negli istanti della rapina. Inevitabili, a quel punto, le lunghissime code che si sono sviluppate sull’A27: chi era già in autostrada, entrato a Mogliano dal Passante o aVeneziaNord, si è ritrovato paralizzato. Fermo. Impossibile uscire a Silea, tanto che la protezione civile ha mandato panini caldi e bibite per gli automobilisti in coda. Impossibile muoversi da Treviso Nord. Entrambi i sensi di marcia sono stati chiusi per consentire alla scientifica di compiere ogni tipo di rilievo utile sui furgoni usati a mo’ di “scudo” e sulle auto cariche di chiodi. Autostrada chiusa fu- no a tarda notte, le auto sono state fatte defluire lentamente attraverso le corsie d’emergenza.

La rotatoria di Silea. Alle 19 i carabinieri erano già arrivati al casello di Treviso Sud. La tempistica è stata decisiva per evitare un ingorgo di carattere monumentale: le forze dell’ordine hanno deciso, inizialmente, di tenere aperto l’ingresso dell’autostrada, bloccando ovviamente il tratto in direzione Belluno – tra l’altro tempestato di chiodi, appena dopo la rampa di innesto – dove era stata tentata la rapina, ma facendo scorrere il traffico entrante in direzione Venezia. Questo per evitare di bloccare ulteriormente il traffico (era il probabile piano dei banditi, per garantirsi
un’ulteriore ostacolo al proprio inseguimento) e organizzare le ricerche. Una decina di minuti dopo veniva chiuso il raccordo verso il casello da una striscia di plastica bianca e rossa: autostrada chiusa. Inevitabile, a quel punto, che la rotatoria di Silea si trasformasse in una sorta di rodeo, con slalom per evitare schianti e poliziotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.