Benoit Violier shock, il numero uno al mondo: il 44enne si sarebbe suicidato con un colpo di pistola

Poco tempo fa era stato dichiarato “mi ha lasciato del mondo” scelto tra 1000 candidati di 48 paesi, l’edizione francese della graduatoria «50 Best restaurant», voluta dal ministro degli esteri di Parigi. In tre anni è riuscito a conservare il grado, cioè le tre stelle Michelin, nel ristorante Hôtel de Ville di Crissier (Losanna) lasciato i in conduzione nel 2012 dal suo grande maestro Philippe Rochat.

E’ morto lo chef franco-svizzero dell’Hotel de Ville di Crissier, sito nei pressi di Losanna in Svizzera, un hotel tre stelle Michelin. Lo chef, purtroppo deceduto in strane circostante è il noto Benoit Violier, conosciuto ed apprezzato davvero in tutto il mondo. L’uomo, 44 anni è stato ritrovato all’interno della sua abitazione a Crissier, località Svizzera del Canton Vaud purtroppo senza vita. Lo chef di fama internazionale e proprietario di un ristorante, considerato il migliore al mondo, si sarebbe tolto la vita, sparandosi con un’arma da fuoco; al momento non sono noti i motivi del folle gesto, e per questo motivo sono in corso delle indagini. La morte dello chef è stata annunciata dalla polizia cantonale la quale ha tenuto a precisare che l’uomo ha messo fini ai suoi giorni appunto con un’arma da fuoco.

Al momento il procuratore ha aperto un’inchiesta penale per stabilire le circostanze della morte. Scioccati e senza parole i familiari di Benoit Violier, i quali hanno solo chiesto che venga fatto silenzio e che vengano lasciati tranquilli nel loro dolore. Non sarebbero state prese in considerazione altre piste, visto che sul corpo dello chef sono state rinvenute ferite di arma da fuoco che da un primo esame, sembrerebbero essere stato autoinfitte e dunque è questo il motivo per il quale per il momento si parla di suicidio. L’ipotesi più probabile è dunque che il miglior chef del mondo si sia sparato per mettere fine alla propria vita.

Nonostante la pista del suicidio sia quella più gettonata non si escludono altre ipotesi, motivo per il quale è stata chiesto un maggiore approfondimento sull’indagine in corso per cercare di fare luce su quanto accaduto.

La notizia della sua morte è stata accolta con grande stupore dal mondo della cucina internazionale, e tanti messaggi di cordoglio sono giunti da amici e colleghi, come ad esempio lo chef Numix, il quale ha dichiarato: “E’ un’immensa perdita per tutto il mondo della gastronomia: era uno chef all’apice della sua arte”. Messaggi di cordoglio e condoglianze arrivate anche dallo chef Guy Martin e dagli esperti della Guida Michelin, tra i primi a rendere omaggio a «uno chef di immenso talento». Purtroppo recentemente un altro chef di fama internazionale ci ha lasciato, ovvero Philippe Rochat, il mentore di Benoit Volier nonchè il suo predecessore presso il Resaurant de l’Hotel de Vile.

Lo chef in questione sarebbe morto lo scorso 8 luglio del 2015 a seguito di un malore che lo ha colpito mentre andava in bicicletta a Cheseaux-Sur-Lausanne. Il fatto che i due chef siano morti a distanza di pochi mesi, ha fatto si che qualcuno pensasse ad una maledizioni del ristorante. Ovviamente non crediamo a queste superstizioni e attendiamo di capire i motivi che hanno spinto il giovanissimo chef a farla finita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.