Usa 2016: Trump favorevole al waterboarding, ” Approverò la tortura, perchè credetemi che serve”

Fanno sempre scalpore le dichiarazioni di Donald Trump ovvero il candidato alle primarie tra le file dei repubblicani per la corsa alla Casa Bianca. Le ultime dichiarazioni sarebbero state rilasciate da Trump proprio nel coso di un evento elettorale in South Carolina dove tra l’altro il prossimo sabato si terranno le primarie del Gop. “Assolutamente approverò il waterboarding, ma lo renderò peggiore” perché “la tortura, amici, funziona, credetemi, funziona…” , ha dichiarato il candidato alle primarie Trump il quale si è mostrato dunque favorevole a questa tecnica di tortura che il senso di annegamento.“Mi hanno chiesto cosa volevo dire, quello che ho detto è che nel Medio Oriente stanno tagliando le nostre teste, ci vogliono uccidere, vogliono uccidere il nostro Paese, vogliono distruggere le nostre città… Non ditemi che non funziona. La tortura, amici, funziona, credetemi, funziona…”., ha aggiunto Trump intervenuto come già anticipato nel corso di un incontro in una casa per pensionati a Bluffton.

Proprio riguardo a questa tecnica di tortura, il waterboarding, Trump ha dichiarato che è si una forma di tortura, ma minore visto che per alcuni addirittura non è proprio considerata una tortura. “Se mi chiedono cosa penso del ‘waterboarding’ io dico che per me va benissimo, ma dovremmo fare qualcosa di molto più forte”, aggiunte Trump. Quelle del repubblicano non sono delle dichiarazioni rilasciate a caso, visto che già durante l’amministrazione Bush il dipartimento di Giustizia aveva approvato dieci metodi con cui condurre interrogatori, proposti dalla Cai tra cui lo stesso waterboarding; la Cia pose fine a questi metodi nel 2007, perchè i metodi utilizzati furono considerati brutali e purtroppo anche inefficaci.

Per chi non lo sapesse, il waterboarding altro non è che una forma di tortura conistente nell’immobilizzare un individuo in modo che i piedi si trovino più in alto della testa e versargli acqua sulla faccia. In pratica è una forma di annegamento controllato, perchè via via l’acqua arriva nelle vie respiratorie, inducendo il riflesso faringeo; purtroppo la persona sottoposta a questo tipo di tortura non può controllare il flusso dell’acqua ne respingerlo ne interromperlo e quindi dovrà attendere la morte.

Trump sempre in testa con 20 punti su RubioDonald Trump sale nei sondaggi e distanzia suoi rivali perla corsa alla nomination repubblicana per le presidenziali americane. Secondo un sondaggio dell’università di Quinni- piac il magnate è ormai al 39%, con 20 punti di vantaggio sul senatore ispanico della Florida Marco Rubio, che si ferma al 19%. In campo democratico è praticamente testa a testa fra Hillary Clinton (44%) e Bernie Sanders (42%).

“Non solo approverò il waterboarding, ma lo renderò peggiore”. Lo ha detto il candidato alle primarie repubblicane Donald Trump durante un incontro elettorale a Bluffton, in South Carolina. “Nel Medioriente – ha quindi spiegato Trump – stanno tagliando le nostre teste, ci vogliono uccidere, vogliono uccidere il nostro Paese, vogliono distruggere le nostre città. Non ditemi che non funziona. La tortura, amici, funziona, credetemi, funziona…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.