Tubercolosi e Scabbia, due nuovi casi tra i banchi di scuola: allarme in due scuole bresciane

E’ trascorsa circa una settimana da quando, presso l’istituto superiore ‘Sraffa’ di via Xomboni nella città di Brescia sono stati registrati cinque diversi casi di allarme scabbia, un gruppetto di amici molto uniti che secondo quanto trapelato da alcune indiscrezioni sembrerebbero essersi trasmessi la malattia l’uno con l’altro.

Ed ecco che, a distanza di alcuni giorni due nuovi casi sospetti sono stati registrati sempre presso la città di Brescia e questa volta ad essere coinvolti sono stati due diversi istituti i cui nomi, in un primo momento, non erano stati diffusi per non creare allarmismi vari. Nello specifico si tratterebbe del liceo classico Arnaldo in cui è stato regiatrato un caso di tubercolosi e poi ancora, un caso di scabbia, è stato invece registrato presso l’istituto tecnico commerciale Abba Ballini. In una nota stampa diffusa dall’Ats, ovvero ex Asl, è stato nello specifico affermato che lo scorso martedì 5 aprile il personale medico è intervenuto in due diversi istituti superiori per due diverse segnalazioni di cui un caso di scabbia e uno di tubercolosi.

“ll personale sanitario dell’ATS di Brescia ha immediatamente effettuato l’inchiesta epidemiologica prevista dal Protocollo Regionale e si è prontamente attivato presso la scuola, contattando ed incontrando il Dirigente Scolastico per dare informazioni e chiarimenti sul caso e sulle azioni preventive rappresentate dall’esecuzione di test mantoux ad alunni, insegnanti, collaboratori scolastici ed eventuali altri contatti stretti della classe frequentata”.

Inoltre, secondo quanto trapelato da alcune indiscrezioni, nel corso della giornata di giovedì 7 aprile 2016 gli operatori medico sanitari hanno anche incontrato i genitori degli alunni frequentanti la classe interessata oltre che il personale scolastico, con l’unico obiettivo di rispondere alle loro richieste e, allo stesso tempo, fornire specifiche ed importanti informazioni sanitarie.

 Nel comunicato sopra citato, l’ex Asl conclude affermando che comunque, al momento, la situazione rimane sotto controllo specificando che, anche in questo caso, è stata “attivata la sorveglianza sanitaria prevista”. La scuola in cui si è verificato il caso di tubercolosi sembra proprio essere pronta a seguire tutte quelle che sono le indicazioni fornite dall’Ats, ex Asl, e tra le varie indicazioni fornite vi troviamo anche la disinfestazioni degli ambienti effettuata in maniera quotidiana. Quando parliamo di tubercolosi, chiamata anche tisi o poriformalicosi oppure ancora TBC facciamo nello specifico riferimento ad una malattia di tipo infettivo causata da vari ceppi di micobatteri che attacca solitamente i polmoni, ma può colpire anche altre parti del corpo ed inoltre viene trasmessa via aerea , mentre invece quando parliamo di scabbia facciamo riferimento ad un’infestazione contagiosa della pelle classificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una patologia legata all’acqua causata dall’ l’acaro Sarcoptes scabiei e tale malattia può essere contagiata tramite oggetti ma il più delle volte viene contagiata grazie al contatto diretto pelle e pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.