Unioni civili, contrario il Cardinale Bagnasco : “Utero in affitto sarà il colpo finale”

Unioni civili, contrario il Cardinale Bagnasco : "Utero in affitto sarà il colpo finale"

Il Cardinale Angelo Bagnasco nonchè il Presidente della Cei, Conferenza episcopale italiana nella giornata di ieri è tornato all’attacco della legge sulle Unioni Civili e lo ha fatto in modo piuttosto critico.Le unioni civili sono ormai legge da diversi giorni e questa sancisce di fatto una equiparazione al matrimonio e alla famiglia e le differenze sono solo dei piccoli espedienti, i nominalisti, o degli artifici giuridici facilmente aggirabili, in attesa del colpo finale, così già si dice pubblicamente, compresa anche la pratica dell’utero in affitto, che sfrutta il corpo femminile profittando di condizioni di povertà, lo ha dichiarato il Cardinale Angello Bagnasco nel corso dell’assemblea generale dei Vescovi.“Il colpo finale” dopo l’approvazione della legge sulle unioni civili è “la pratica dell’utero in affitto, che sfrutta il corpo femminile profittando delle condizioni di povertà“, aggiunge l’arcivescovo di Genova.Poi il Cardinale ha anche affrontato il tema relativo all’annullamento dei matrimoni sostenendo che si vedono segnali positivi di sostegno e promozione della famiglia che oltre ad essere il grembo naturale della vita, palestra di umanesimo, virtù civili, socialità, e di educazione nell’intreccio di generazioni e di generi, ha affermato Bagnasco.

“Si avverte l’urgenza di una manovra fiscale coraggiosa, che dia finalmente equita’ alle famiglie con figli a carico. Gli esperti dicono che la messa in atto del cosiddetto ‘fattore famiglia’ sarebbe gia’ un passo concreto e significativo” ha detto ancora il cardinale. I vescovi sono però preoccupati per i dati sulla natalità e proprio a tal riguardo Bagnasco sostiene che vi sono oggi dei segnali positivi di sostegno e promozione della famiglia, anche se i dati Istat sono davvero preoccupanti; quelli del 2015 sembrerebbero essere quelli peggiori dall’Unità d’Italia.  Le nascite sono state 488.000, mentre 100.000 italiani hanno lasciato il Paese. “Sprecate troppe energie sulle unioni civili, sono altri i problemi.Il lavoro che manca, la povertà, le dipendenze come quelle legate al gioco d’azzardo sono i problemi del Paese rispetto ai quali “la gente vuole vedere il Parlamento impegnato senza distrazioni di energie e di tempo. Per questo non si comprende come così vasta enfasi ed energia sia stata profusa per cause che rispondono non tanto a esigenze, già per altro previste dall’ordinamento giuridico, ma a schemi ideologici”, afferma Bagnasco.

Di tutt’altra idea il presidente del Pd Matteo Orfini, secondo il quale il dovere della politica non di certo polemizzare con Bagnasco.La legge sulle unioni civili non è contro la famiglia, ma distribuisce diritti senza toglierli a nessuno”, ha ribadito Orfini il quale ha anche aggiunto: “Abbiamo fatto una scelta coraggiosa che viene dopo un dibattito estenuante. Non credo che questo sia in contraddizione con l’esigenza di fare politiche per le famiglie“. Non si è fatta attendere la risposta del ministro dell’Interno, Angelino Alfano. “Lo dico con il rispetto che ho sempre avuto e continuerò ad avere del cardinale Bagnasco, ma la sua interpretazione della legge sulle unioni civili, come lasciapassare per l’utero in affitto, non corrisponde a quanto in quella legge c’è scritto”. 

Quello che il vescovo di Roma Jorge Mario Bergoglio non dice, lo mette per iscritto il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale: la legge Cirinnà ) è l’equiparazione delle unioni omosessuali al matrimonio tra donna e uomo, la preparazione del «colpo finale» che sarà «la pratica dell’utero in affitto». La bomba sul governo Renzi che l’opposizione di centrodestra si attendeva dalla Chiesa, e che papa Francesco si è guardato bene dallo sganciare, alla fine è arrivata, e porta la firma del capo dei vescovi italiani. Così,nel secondo giorno dell’assemblea della Cei, il 73enne Bagnasco -anche se èl’ultima cosa che voleva – diventa suo malgrado il capofila degli avversari del premier. Inutile cercare contrapposizioni tra Bagnasco e Bergoglio, perché non ci sono né ci potrebbero essere. Nella sua prolusione il capo dei vescovi cita papa Francesco e il suo magistero in ogni frase e la linea lungo la quale si muove è naturalmente quella tracciata dal pontefice. Anche il rifiuto della legge Cirinnà espresso da Bagnasco trova sostanza nelle parole di Bergoglio, ein particolare nella dichiarazione comune fatta tre mesi fa dal papa e dal patriarca Kirill, capo della Chiesa ortodossa russa: «La famiglia si fonda sul matrimonio, atto libero e fedele di amore di un uomo e una donna. Ci rammarichiamo che altre forme di convivenza siano orma iposte allo stesso livello». Ma queste, ricordate ieri da Bagnasco, sono le parole più dure sulle unioni omosessuali pronunciate da Bergoglio nel suo pontificato, e risentono, dal lato di Cirillo, della durezza del regime di Vladimir Putin, legato a doppio filo conla Chiesa ortodossa e autore di norme   illiberali contro i legami omosessuali, inclusa la legge – approvata dalla Duma due anni fa – che vieta la propaganda dell’omosessualità ai minori e proibisce i gay pride e manifestazioni simili. Emerge, soprattutto,la differenza tra l’approccio “relativista” nei confronti della Cirinnà e delle altre leggi che in Europa riconoscono le unioni omosessuali, usato da papa Francesco anche nella recentissima intervista a La Croix, e il giudizio negativo,senza compromessi,dato ieri da Bagnasco. Intervistato dal quotidiano cattolico francese, Bergoglio ha espresso un giudizio che se non è neutrale poco ci manca, dato che non si è spinto oltre la difesa del diritto all’obiezione di coscienza: «Tocca al Parlamento», ha risposto Francesco a domanda diretta, «discutere, argomentare, spiegare, ragionare», ma «una volta che la legge è approvata, lo Stato deve rispet tare le coscienze». Incomparabilmente più dure le parole usate ieri da Bagnasco nella sua prolusione. Dopo avere ricordato i suoi correligionari vittime delle persecuzioni religiose («si contano ormai 200milioni di cristiani perseguitati sul pianeta sotto gli occhi distratti e indifferenti del mondo») e le stragi dei terroristi, dopo avere richiamato governo e parlamento alle loro responsabilità per il crollo delle nascite («si avverte l’urgenza di una manovra fiscale coraggiosa, che dia finalmente equità alle famiglie con figli a carico») e per il dilagare della ludopatia, il capo dei vescovi ha affondato il colpo. «La recente approvazione della legge sulle unioni civili», ha accusato, «sancisce di fatto una equiparazione al matrimonio e alla famiglia, anche se si afferma che sono cose diverse: in realtà, le differenze sono solo dei piccoli espedienti nominalisti, o degli artifici giuridici facilmente aggirabili,in attesa del colpo finale – così già si dice pubblicamente – compresa anche la pratica dell’utero in affitto, che sfrutta il corpo femminile profittando di condizioni di povertà». Per la maggioranza e la sua anima cattolica -alla quale apparterrebbe lo stesso Matteo Renzi, ex giovane margheritino -un colpo inatteso.Non capita spesso divedere i parlamentari del Pd, abituati a ostentare la spocchia dei vincitori, giocare in difesa e arrancare per spiegare, come fa il capogruppo dei senatori democratici Luigi Zanda, che «l’istituto delle unioni civili è molto diverso dal matrimonio,non c’è alcuna equiparazione».Né succede tutti i giorni di vedere Angelino Alfano, leader di un partito che si rivolge agli elettori cattolici, dire garbatamente al capo de i vescovi italiani che non ha capito cosa c’è scritto sulla Cirinnà, perché «la sua interpretazione della legge sulle unioni civili come lascia passare perl’utero in affitto non corrisponde a quanto in quella legge c’è scritto». Scena che appare deliziosa agli occhi dell’opposizione di centrodestra, e che non può non essere usata per fini di parte nel grande scontro tra Renzi e il resto del mondo,al termine del quale resterà in piedi solo uno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.