Segui Newsitaliane.it su Facebook

Valanga a Madesimo Morto snowboarder nipote di Paride Cariboni


Si chiamava Paride Cariboni, 34 anni di Colico, lo snowboarder travolto e ucciso ieri mattina da una valanga sul monte Grop- pera a Madesimo mentre era in fuoripista. La valanga s’è staccata attorno alle 10, a 2.800 metri d’altezza. Ha investito tre snowboarder: due sono riusciti a mettersi in salvo. Cariboni, invece, non ce l’ha fatta. Dopo le prime cure, lo sciatore è stato elitrasportato all’Ospedale Civile di Bergamo dove è poi deceduto.

È stato trovato in arresto cardiocircolatorio. L’uomo era in compagnia di due amici, quando la valanga, staccatasi a un’altitudine di 2.800 metri e con un fronte di 50 metri, lo ha travolto. Il 34enne di Colico rimasto travolto da una valanga a Madesimosabato mattina è morto in ospedale a Bergamo.

Il ragazzo morto e la nipote del edificatore Paride Cariboni, un costruttore noto nell’alto lago per aver realizzato grandi opere, fra cui la superstrada 36. Il padre della vittima, Giovanni Carboni, è stato per anni sindaco di Colico, e fino al 1996, la famiglia faceva parte dell’associazione impianto di Val di Lei. Solo la scorsa settimana cinque persone erano state investite da due valanghe, verificatesi in rapida progressione, nel vallone di Val di sotto. L’evento, fortunatamente non ha ucciso nessuno sciatore, ed era stato denunciato un turista olandese per aver provocato la valanga.

Slavina sugli sciatori – In tre con uno spericolato fuori pista. Sul posto sono subito intervenuti gli agenti della Polizia di Stato in “servizio di sicurezza e soccorso in montagna” a Madesimo che, unitamente al servizio sanitario 118 e alle squadre del soccorso alpino, sono riusciti, alcuni minuti dopo, a localizzare lo snowboarder e ad estrarlo dalla neve, ancora in vita. Illesi gli altri due snowboarder che sono stati solo sfiorati dalla massa di neve.

Dopo le prime cure, a causa però delle gravi condizioni, il 34enne è stato elitrasportato presso l’Ospedale Civile di Bergamo dove, dopo poche ore, è deceduto. La Questura ha aperto un’indagine per ricostruire la dinamica dell’accaduto ed accertare eventuali responsabilità da parte di terzi.

Questo sito utilizza i cookies tecnici per migliorare la tua esperienza di navigazione e cookies di profilazione di terze parti. Per saperne di più o per disabilitare l'uso dei cookies leggi la nostra "Cookie Policy". Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando lo scroll o cliccando 'Accetto' darai il consenso all’uso di tutti i cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi