Shock, Valentino Talluto ha contagiato 43 persone: accusato di epidemia dolosa

Valentino Talluto, l'untore Hiv che ha contagiato 43 donne torna in carcere accusato di epidemia dolosa

Torna in carcere Valentino Talluto il 32enne sieropositivo che ha infettato consapevolmente le sue partner con rapporti sessuali non protetti, non mettendole a conoscere di avere l’Hiv. Per questo motivo, Valentino Talluto è stato raggiunto in carcere da una nuova ordinanza di custodia cautelare, accusato di lesioni gravissime.

Valentino Talluto è accusato di epidemia dolosa, per aver appunto come già anticipato avuto rapporti sessuali non protetti con donne molte delle quali conosciute via chat alle quali ha trasmesso il virus. Adesso le donne che hanno rapporti sessuali con l’uomo sono risultate essere ben 43, ma i casi di contagio diretti sono circa una trentina ma esistono anche casi indiretti, ovvero un bambino e 3 partner maschili di donne già contagiate in precedenza.Contagiato ance un bambino di otto mesi,figlio di una donna con cui Valentino Talluto ha avuto rapporti sessuali.

L’uomo era a conoscenza di aver contratto il virus sin dal 2006 ovvero quando aveva 21 anni ma nonostante tutto ha continuato ad andare a caccia di partner,per lo più occasionali e conosciute via internet ed anche coeatanee. Sembra che con alcune di queste l’uomo abbia stabilito anche delle relazione più durature senza però mai raccontare come realmente stavano le cose e dunque le sue attuali condizioni di salute.

Una inchiesta delicata e complessa, quella condotta dalla procura di Roma, sopratutto perchè gli inquirenti hanno dovuto contattare le ragazze, in molti casi giovanissime, e raccontare loro chi realmente fosse quel ragazzo conosciuto in chat.Durante l’interrogatorio l’uomo ha nettamente negato di essere affetto dal virus salvo poi crollare ed ammettere di aver scoperto di essere malato nel 2006, senza però mai smettere di fare sesso con donne, forse per puro egoismo. Consapevole della sua malattia, non ha mai usato nessuna precauzione: “ho agito con leggerezza”, “con superficialità”, ha dichiarato al pm Francesco Scavo che lo scorso febbraio lo ha interrogato nel carcere Regina Coeli.

Valentino è purtroppo figlio di una madre tossicodipendente morta appunto di Aids e nipote di un imprenditore che si è preso cura di lui.Nel corso del suo interrogatorio, Valentino Talluto ha dichiarato di sapere di essere malato di Aids ma di aver omesso alle donne la sua condizione. “Non volevo fare del male a nessuna”, ha dichiarato Valentino. “Ho avuto rapporti non protetti anche con cinque donne diverse ogni mese. Molte non le ricordo nemmeno”, abbozzando che “Saranno quindici, venti. Meno di trenta… di più? Non so, tra le 40 e le 50”, di fronte all’insistenza degli inquirenti ansiosi di risalire ai nomi delle donne nel tentativo di spezzare la catena, ha risposto: “Non faccio una lista come la spesa…”.Dunque adesso Valentino Talluto rischia davvero grosso, perchè ha rischiato di provocare davvero un’epidemia, mettendo a rischio la salute di tante donne.

One comment

  1. Mauro Tassinari

    Donne? SVEGLIATEVI!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.