Vandali di origine rom devastano il pronto soccorso dell’Ospedale Pertini di Roma e poi fuggono

Vandali di origine rom devastano il pronto soccorso dell'Ospedale Pertini di Roma e poi fuggono

Un gruppo di vandali di origine rom sono stati individuati nella giornata di ieri dopo aver preso a calci e pugni la vetrata del triage dell’Ospedale Pertini di Roma, fino a distruggerla. E’ questo quanto accaduto nella mattinata di ieri a Roma, presso il pronto soccorso dell’Ospedale Pertini di Roma intorno alle ore 7 quando due uomini, di etnia rom si sono presentati per farsi visitare in seguito ad un incidente stradali, accompagnati da altre quattro persone. I due ,immediatamente visitati dai medici e refertati come codici verdi hanno iniziato ad inveire nei confronti del personale medico e di accettazione il tutto davanti alcuni pazienti presenti nella sala d’aspetto che con lo sguardo attonito assistevano alla “sceneggiata” dei rom.Improvvisamente due di loro ha cominciato a prendere a calci e pugni la vetrata mandandola completamente in frantumi; il loro comportamento ha inevitabilmente richiamato l’attenzione del personale di guardia che ha allertato i carabinieri e nel giro di pochi minuti sul posto è intervenuto il Nucleo Radiomobile.

«Prima si sono presentati in due, hanno compilato i moduli come tutti, per farsi visitare. Poi sono stati raggiunti da altri uomini e hanno iniziato a dare in escandescenza, prendendo a calci e a pugni la vetrata», racconta una donna. Il pronto soccorso intanto è stato chiuso, in seguito all’aggressione dei due giovani rom che davanti agli occhi increduli dei presenti hanno completamente rotto la vetrata prendendola a pugni. Due rom sono stati intanto fermati dai carabinieri nei pressi della Via Aspromonte e si tratterebbe di due giovani ragazzi di 22 e 23 anni nati in Italia ma di origine rom, anche se a compiere l’atto vandalico sarebbero state altre persone, identificate poco dopo il fermo dei due; i vandali sono stati identificati dunque e fermati e denunciati a piede libero per danneggiamento.

Al vaglio dei carabinieri ci sono ora i filmati delle telecamere di videosorveglianza dell’ospedale, grazie ai quali si proverà a risalire agli altri responsabili. Il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti ha voluto far sentire la sua vicinanza al personale del plesso ospedaliero Pertini con un post su Twitter: “Solidarietà a medici e infermieri per aggressione pronto soccorso #Pertini. Atto ignobile, violenti vengano individuati e puniti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.