Venezia, immigrati non pagano il biglietto sul bus: scoppia la polemica, passeggeri contro l’azienda

0

Venezia, immigrati non pagano il biglietto sul bus scoppia la polemica, passeggeri contro l'aziendaSta facendo molto discutere, nelle ultime ore, quello che lo scorso 10 luglio 2016 è accaduto su un pullman dell’Act dove nello specifico è scoppiata una vera e propria protesta da parte di alcuni passeggeri. La rivolta dei passeggeri, per essere più precisi, ha avuto luogo un pullman di linea sulla tratta Venezia-Chioggia ed era proprio indirizzata ai controllori della celebre azienda di trasporto pubblico Actv i quali, avrebbero nello specifico chiuso un occhio sul fatto che diversi passeggeri di colore che si trovavano sul mezzo in questione non avessero pagato il biglietto. L’intera vicenda è stata registrata con lo smartphone da una donna che si trovava sull’autobus e, nelle immagini in questione, è possibile notare numerosi passeggeri di colore salire sul mezzo senza però, come precedentemente anticipato, pagare il biglietto. Questo è bastato a scatenare un malcontento generale sfociato poi in una vera e propria protesta, forse il tutto alimentato dal caldo e dal sovraffollamento del mezzo a causa del quale, alcuni passeggeri sono dovuti rimanere in piedi non essendovi libero un posto a sedere. Come precedentemente anticipato ecco che proprio tale episodio ha avuto luogo, nello specifico, la scorsa domenica 10 luglio 2016 e mostra come, alcuni passeggeri resosi conto di quanto accaduto hanno iniziato a protestare prendendola soprattutto con il personale del pullman. Alla fine del viaggio, è possibile vedere grazie alle immagini registrate con il telefonino di una donna che si trovava sul mezzo, l’autista del pullman si è fermato e ha chiesto a tutti di convalidare il biglietto.

Il video è stato poi successivamente postato sui social network e nello specifico su Facebook ed in pochissimo tempo ha ottenuto risultati davvero sorprendenti. Nello specifico, postato su Facebook, ha ottenuto circa 20 mila visualizzazioni e forse ancor di più e poi ancora davvero numerosissime condivisioni. Dalle immagini in questione registrate dal telefonino della donna sopra citata, è possibile notare un uomo che ha cominciato a lamentarsi per quello che aveva appena visto e di li, poi, numerosi altri passeggeri si sono uniti alla protesta dell’uomo rivolgendosi con insulti, grida e minacce nei confronti anche dei controllori che appunto non avrebbero controllato gli stranieri.

Sulla delicatissima vicenda, che nelle ultime ore sta facendo sempre più discutere, si è espressa proprio la donna che ha registrato l’intera scena con il proprio telefonino decidendo poi successivamente di condividerlo su Facebook, la quale ha nello specifico affermato di essere assolutamente davvero molto felice sottolineando “Ci voleva”. Le accuse mosse nei confronti dell’azienda sono volte a sottolineare il fatto che non tutti i passeggeri vengono controllati una volta saliti sul mezzo pubblico e tutto questo rappresenta uno svantaggio per coloro che, non solo pagano regolarmente l’abbonamento o comunque il biglietto ma, mole volte, non trovano neppure il posto per sedersi e affrontare il viaggio serenamente.

Rispondi o Commenta