Schok Vittorio Sgarbi pubblica una foto sui social completamente nudo: scandalo sul web

Vittorio Sgarbi pubblica una foto shock che lo ritrae completamente nudo scandalo sul web

Vittorio Sgarbi il noto critico d’arte ha dato “scandalo”nei giorni scorsi scatenando il popolo del web. Ebbene si, Vittorio Sgarbi, complice il caldo, complice la sua esuberanza e la voglia di stare al centro dell’attenzione, ha praticamente postato sul web una sua fotografia che lo ritrae sdraiato sul divano di un hotel cittadino completamente nudo e con la ricevuta del frigo bar ben messa in evidenza; il critico d’arte si è ritratto completamente nudo,genitali compresi disteso come abbiamo già anticipato su un divano di un albergo di Padova dopo aver partecipato ad una conferenza di presentazione della mostra sul San Lorenzo di Donatello e telefono alla mano, si è messo in posa per la foto in questione.

La fotografia, nel giro di pochissimi minuti ha fatto il giro del web ed è stata commentata da tantissime persone; nello specifico hanno cliccato sul tasto “mi piace” ben 13mila persone con tanto di faccine sorridenti e cuoricini; nei primi dieci minuti dopo la pubblicazione, il post di Sgarbi ha ricevuto qualcosa come 2.600 mi piace, 500 condivisioni e quasi duemila commenti.

Nessuno di certo si sarebbe aspettato una fotografia del genere del noto critico d’arte che che di certo non è mai passato inosservato, ma mai era arrivato a tanto. Alla foto il critico d’arte ha aggiunto una citazione in latino, ovvero Immotus nec iners che tradotto vuol dire “fermo ma non inerte”, una citazione di Orazio che orna lo stemma nobiliare di Principe di Monte Nevoso, un titolo che Gabriele D’Annunzio concesse nel 1924 al Re Vittorio Emanuele III su proposta di Benito Mussolini. Vittorio Sgarbi è così: ama dividere, stupire, affascinare, colpire, provocare e questa volta ha colpito in pieno.

Intanto nella giornata di ieri Sgarbi ha presentato l’opera di Donatello, un busto in terracotta di San Lorenzo, che sarà esposto per la prima volta in Italia dal 30 aprile al 25 settembre al Palazzo della Ragione di Padova e del quale si erano perse le tracce da quando nel 1888 era stato rubato da una chiesa parrocchiale di Borgo San lorenzo in provincia di Firenze.

“Di sicuro nessuna religione ha espresso tante bellezza come la religione cristiana – ha commentato il critico d’arte – non c’è mai stato un Bach di Baghdad né un Giotto di Mosul“.Nei prossimi giorni, ed esattamente a partire dall’11 maggio fino al 25 settembre,Vittorio Sgarbi apirà ai Musei Eremitani di Padova “I tintoretto ritrovati”,ovvero otto tele attribuite al critico a Tintoretto. “La grande mostra sarà poi quella sul ‘600 veneto su base regionale – ha spiegato Sgarbi – un grande ‘600 che non è conosciuto come quello romano e che diventerà l’occasione perchè da Padova a Verona, da Rovigo a Belluno siano mostrati gli autori di un grande barocco con autori facile da avere perché poco conosciuti ma di grande effetto”.

Vittorio Sgarbi nudo, la foto su Facebook fa boom di like..e di polemiche! (Di venerdì 29 aprile 2016) Migliaia di commenti, condivisioni e ‘Mi piace’ per l’ex ministro e parlamentare,che ha postato sulla sua bacheca una foto che lo ritrae sdraiato sul divano e senza vestiti, mentre è impegnato in una telefonata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.