Abusi sessuali su pazienti, arrestato medico 38enne della capitale: deteneva materiale pedopornografico

0

Un medico è ritenuto responsabile di abusi sessuali su alcune pazienti e per questo motivo è stato arrestato nella giornata di ieri a Roma e posto agli arresti domiciliari. Finito così in manette un medico romano di 38 anni in seguito alla denuncia effettuata da una donna insospettita dalle sue manovre durante un controllo, manovre che la donna ha ritenuto alquanto strane e pare che la patente ci avesse visto bene, in quanto durante una perquisizione domiciliare effettuata proprio in seguito alla denuncia, le forze dell’ordine hanno rinvenuto all’interno dell’appartamento del medico trentottenne di Roma, anche materiale pedopornografico, appurando che il medico avesse tentato l’ adescamento di minori.

Dunque nel corso della mattinata di ieri, gli agenti della Squadra Mobile di Roma hanno arrestato, in esecuzione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dall’autorità giudiziaria capitolina, il medico romano trentottenne il quale è accusato di abusi sessuali su alcune sue pazienti detenzione di materiale pedopornografico e adescamento di minori. Sei le vittime finora accertate, il dottore avrebbe filmato di nascosto gli abusi. Una paziente ha denunciato “ripetuti palpeggiamenti all’inguine, della parte interna dei glutei e del seno”, mentre un’altra ha raccontato agli inquirenti di come il medico si fosse “masturbato e dopo aver eiaculato su di loro aveva proseguito a massaggiarle con il liquido seminale”.

“Il medico approfittava del rapporto fiduciario con il paziente e del tipo di tecnica che andava ad eseguire. Servendosi di questa situazione, l’uomo palpeggiava le parti intime delle donne che visitava”, è questo quanto dichiarato dagli inquirenti. Secondo quanto è emerso dalle indagini, pare che il medico abbia più volte abusato sessualmente di alcune pazienti durante le sedute di cavitazione medica, una tecnica utilizzata per la riduzione del grasso corporeo che lo stesso eseguiva nel suo studio privato di Roma; come abbiamo anticipato, le indagini pare siano partite in seguito alla denuncia di una delle pazienti la quale era rimasta particolarmente insospettita e infastidita dalle tecniche definite poco ortodosse utilizzate dal medico.

Sulla base di questa denuncia, gli uomini della Squadra Mobile hanno rintracciato ed ascoltato anche altre pazienti coinvolte per cercare di ricostruire gli eventi e capire se effettivamente il medico avesse abusato anche di altre donne. I risultati delle indagini hanno appurato che il medico avesse in realtà abusato di diverse pazienti approfittando del rapporto di fiducia medico- paziente e del particolare tipo di tecnica eseguita, pare palpeggiasse le pazienti nelle parti intime. In seguito poi ai risultati delle perquisizioni e dell’analisi dei telefoni cellulari, dei computer sequestrati, il medico dovrà rispondere oltre che degli abusi sessuali commessi sulle sue pazienti anche dei reati di pornografia minorile, detenzione di materiale pedopornografico e adescamento di minore. Gli abusi sarebbero stati compiuti durante le sedute di cavitazione medica, tecnica utilizzata per la riduzione del grasso corporeo.

Rispondi o Commenta