Roaming telefonico in Europa, addio per sempre il 15 giugno

Oggi il Parlamento Europeo ha dato il via libero definitivo alla fine del roaming. Dal 15 giugno prossimo potremo viaggiare nei paesi dell’Unione Europea senza più paura delle salatissime bollette per telefonare e andare su Internet con i nostri smartphone e tablet. I voti? 549 voti favorevoli; 27 contrari e 50 astenuti. Dopo i paventati slittamenti, è stato quindi rimosso l’ultimo ostacolo all’abolizione del sovrapprezzo per le comunicazioni: dal 15 giugno i consumatori potranno telefonare, inviare messaggi e utilizzare dati della rete mobile in altri stati della Ue senza pagare tariffe aggiuntive.

Nell’accordo informale tra il Parlamento e il Consiglio sui tetti ai prezzi all’ingrosso si stabiliscono i limiti sui costi che gli operatori telefonici potranno addebitarsi reciprocamente per l’utilizzo delle loro reti al fine di effettuare chiamate transfrontaliere in “roaming”.

Sono stati così stabiliti i limiti ai prezzi all’ingrosso dell’uso della telefonia mobile ed è stato approvato l’accordo informale con il Consiglio. “Questa e’ una grande vittoria per i consumatori europei“, ha detto il relatore del provvedimento, il deputato finlandese Miapetra Kumpula-Natri. Tali prezzi all’ingrosso del roaming influenzeranno indirettamente i costi finali dei consumatori. Dal 15 giugno l’Eurotariffa non ci sarà più. I prezzi all’ingrosso per la connessione dati scenderanno considerevolmente entro il 2022, consentendo ai consumatori europei di accedere ad un maggior numero di contenuti. Ciò potrà inoltre aprire i mercati ai piccoli operatori e agli operatori di telecomunicazioni virtuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.