Alberto Stasi e Alex Boettcher in carcere ma nello stesso reparto: è polemica

Alberto Stasi e Alexander Boettcher, si trovano rinchiusi nello stesso settore del carcere di Bollate, alle porte di Milano, dove le celle chiamate stanze, sono aperte e non vi è una rigida divisione in camerate, motivo per il quale tutti i detenuti possono circolare liberamente ed incontrarsi in attività di recupero durante la giornata. Dunque, Alberto Stasi l’ex studente bocconiano condannato a 16 anni per l’omicidio di Chiara Poggi a Garlasco e Alexander Boettcher, il broker condannato per le aggressioni con l’acido, attualmente sono detenuti nello stesso reparto del carcere milanese seppur non condividono la stessa cella, ma durante la giornata sono spesso in comunicazione, facendo delle attività comuni; nella mattinata di ieri era giunta la notizia secondo la quale i due fossero detenuti nella stessa cella, ma nel pomeriggio è arrivata la precisazione della direzione del carcere, che ha tenuto a dichiarare che i due si trovano nello stesso reparto ma non nella stessa cella, insieme ad altri 160 detenuti.

Alberto Stasi, come ben sappiamo, si trova in carcere dal 13 agosto 2007, per l’omicidio della fidanzata Chiara Poggi avvenuto a Garlasco il 13 agosto del 2007 e sarebbe uno tra i più apprezzati detenuti per le politiche di rieducazione dei detenuti. Per chi non lo ricordasse, dopo un travagliato iter giudiziario ed un dopo processo d’appello dove la Cassazione lo aveva ritenuto colpevole, il giovane che in un primo momento si era sempre professato innocente, aveva scelto di costituirsi proprio nel carcere di Bollate, dove tra le altre cose sta studiando anche per prendere una seconda laurea in legge dopo quella in economia.

Alexander Boettcher, invece come già anticipato, è noto alle cronache per aver sfigurato con l’acido solforico due ex amanti della 25enne Martina levato, sua complice e per circa 20 mesi sua fidanzata. Al momento l’ex broker finanziario ho accumulato nei vari processi diversi anni di carcere tutti ancora con sentenza non definitiva, nonostante si sia sempre dichiarato estraneo alle aggressioni con l’acido. Così come Stasi, anche l’ex broker in carcere studia e proprio nei mesi scorsi si è iscritto alla facoltà di Biologia dell’Università Bicocca di Milano; tra le altre cose continua ad allenarsi in palestra così come faceva prima del suo arresto.

A proposito dell’omicidio di Chiara Poggi nella mattinata di ieri, Andrea Sempio indagato e poi archiviato, era al Palazzo di Giustizia a Milano per querelare per calunnia, il pool difensivo di Alberto Stasi, rappresentato dallo Studio Legale Giarda. Ebbene sì, il giovane Andrea Sempio, indagato per l’omicidio di Chiara Pogi, in seguito ad una segnalazione alla magistratura degli stessi difensori di Stasi, ha querelato per calunnia, falso ideologico e violazione della legge sulla privacy, il pool difensivo di Alberto Stasi. Sempio, all’epoca dell’omicidio aveva 18 anni ed era amico del fratello della vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.