Allarme Aspirina ritirata dalle farmacie: Ecco quali sono le sigle

L’Agenzia governativa del farmaco ha appena disposto il ritiro di alcuni lotti del celebre e diffusissimo medicinale prodotto dalla Bayer. Ecco quelli interessati“

Un altro medicinale sottoposto al ritiro nelle farmacie, questa volta un medicinale molto famoso usate conosciuto da molte persone in Italia.Dopo la segnalazione lanciata alcuni giorni fa dall’Agencia Española de Medicamentos y Productos Sanitarios (AEMPS), l’Agenzia Italiana del Farmaco ha rimosso dal mercato alcuni lotti di due altri prodotti nel giro di poche ore. Si tratta dei lotti 004763405 Aspirina 500 mg granulato x 10 bustine BTT1BKK feb-18; 004763405 Aspirina 500 mg granulato x 10 bustine BTT1AGN gen-18; 004763405 Aspirina 500 mg granulato x 10 bustine BTT1BL5 gen-18; 004763405 Aspirina 500 mg granulato x 10 bustine BTT1CPS lug-18; 04763544 Aspirina 500 mg granulato x 20 bustine BTT185R gen-18; 004601023 ALKA EFFER 20 compresse BTAHTUO mar-19; 004601023ALKA EFFER 20 compresse BTAHELO mag-19 delle specialità medicinali ASPIRINA e ALKA EFFER della ditta Bayer Spa.

La misura, ha evidenziato il presidente dello Sportello dei Diriti Giovanni D’Agata, si è resa necessaria a seguito della comunicazione della ditta concernente la possibile presenza di agglomerati e/o colore anomalo in alcune confezioni delle suddette specialità medicinali. La ditta Bayer ha comunicato l’avvio della procedura di ritiro che il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute è invitato a verificare.

Ritirati anche Paracetamolo, Guttalax e Vitamina D
Sono state numerose le operazioni di ritiro dei farmaci nelle ultime settimane. Ieri, ad esempio, è stata la volta del Guttalax, medicinale utilizzato nel trattamento di breve durata della stitichezza occasionale sia negli adulti che nei bambini. Alcuni giorni fa la società farmaceutica I.B.N. Savio ha ritirato il lotto n. 2230116 scadenza marzo 2018 della specialità medicinale Annister *OS GTT10ML 10000UI/ML – AIC 042223053, farmaco somministrato per la prevenzione e trattamento della carenza di vitamina D. Ancora prima era stata la volta del medicinale antipiretico Paracetamolo.

 La corretta gestione dei farmaci è una componente fondamentale del processo assistenziale e delle sua qualità. Tale gestione non comprende solo processi relativi alla selezione, approvvigionamento, conservazione, prescrizione, trascrizione, distribuzione, preparazione, somministrazione, documentazione e monitoraggio delle terapie farmacologiche, ma anche un controllo qualitativo del farmaco teso a tutelare la salute del paziente. Nel corso dell’utilizzo alcuni farmaci possono essere sospesi, revocati o ritirati dal commercio; la tempestività del farmacista nel mettere in atto le procedure previste garantisce la sicurezza del paziente. La detenzione di medicinali guasti (scaduti) o imperfetti rientra nelle ipotesi di reato contro l’incolumità pubblica, come quella relativa alla detenzione di medicinali adulterati o contraffatti. Per guasto si intende ogni medicamento che abbia subito nel tempo processi di alterazione; il medicinale scaduto è considerato guasto. Per imperfetto si intende ogni medicamento che non risulti preparato secondo le indicazioni della tecnica farmaceutica, o che sia tecnicamente difettoso risultando così privo di efficacia terapeutica o dannoso per la salute. Per adulterato si intende un medicinale modificato, privato in tutto o in parte dei suoi componenti caratteristici. Per contraffatto si intende un medicinale falsificato a scopo fraudolento.

Lo scopo di questo contributo è definire le modalità operative per la corretta gestione dei farmaci, in particolare i farmaci per cui sia stata inviata comunicazione di ritiro, sospensione o revoca. 3.

DIFETTI DI QUALITÀ: VIGILANZA POST-MARKETING Le segnalazioni relative alla presenza di difetti in uno o più lotti di medicinali o di materie prime sono effettuate dal personale sanitario, dalle aziende produttrici o dai titolari di autorizzazione all’immissione in commercio (A.I.C.), dai cittadini, dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS), dall’ Ufficio Attività Ispettive di buona pratica di fabbricazione (GMP), a seguito di ispezione, e dalle Autorità nazionali dei Paesi UE o in cui vige un accordo di mutuo riconoscimento o dall’Agenzia europea dei medicinali (EMA).

L’AIFA ha predisposto un Modello di Segnalazione Difetti da compilarsi a cura dell’operatore sanitario che ha rilevato il problema o ha ricevuto segnalazione da parte del cittadino.

PROVVEDIMENTI Allo scopo di tutelare la salute pubblica e in accordo con le norme nazionali e comunitarie, vengono emanati, con la collaborazione del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute (NAS) e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), provvedimenti con carattere di urgenza quali: „ il ritiro dei lotti (ritiro dell’intero lotto); „il divieto di utilizzo (il lotto deve essere fisicamente separato dagli altri e non deve essere assolutamente utilizzato fino ad emissione di provvedimenti successivi che verranno intrapresi dopo il risultato delle analisi effettuate dall’ISS); „ il campionamento (in questo caso il lotto può essere utilizzato, sarà l’AIFA a comunicare eventuali altri provvedimenti, dopo l’ esito delle analisi effettuate dall’ISS); „ il sequestro cautelativo di uno o più lotti di prodotti medicinali difettosi (i prodotti sequestrati non potranno essere utilizzati né distrutti senza l’autorizzazione dell’AIFA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.